Home » Politica & Feudalesimo » Scelta Civica: in 8 passano al PD, Renzi esulta

Scelta Civica: in 8 passano al PD, Renzi esulta

Otto parlamentari di Scelta Civica passano nel PD che ora ha i numeri per andare avanti senza Silvio Berlusconi. “Accogliamo l’invito di Renzi a un percorso e a un approdo comuni. Per questo aderiamo ai Gruppi del Pd di Senato e Camera, alcuni di noi anche al partito”, si legge in una nota ufficiale degli otto ormai ex montiani. Un altro capolavoro politico di Matteo Renzi, dunque, che ora mette con le spalle al muro Forza Italia.

Se Forza Italia, che ha sempre difeso il patto sulle riforme, adesso vuole rimangiarselo, buon appetito. Ho sempre detto che voglio fare accordi con tutti e che non ci facciamo ricattare da nessuno. Perché i numeri ci sono – dice il presidente del Consiglio – anche senza di loro. Spero che dentro FI prevalgano buon senso e ragionevolezza.

Continua così la trasformazione del PD, ormai un ex partito di centro-sinistra, nella nuova democrazia cristiana. Agli otto parlamentari di Scelta Civica, potrebbero seguire altri nuovi innesti, magari provenienti dal Misto o dagli ex grillini. Ma chi sono coloro i quali sono confluiti oggi nel partito di Renzi? Eccoli:

– Stefania Giannini, ministro dell’Istruzione e senatrice

– Carlo Calenda, viceministro allo Sviluppo economico

– Pietro Ichino, senatore

– Linda Lanzilllotta, senatrice

– Gianluca Susta, senatore

– Alessandro Maran, senatore

– Ilaria Borletti Buitoni, deputata

– Irene Tinagli, deputata

Resta in Scelta Civica, con il fondatore Mario Monti, il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova.

Loading...

Altre Storie

Maltempo Toscana, allerta rossa: scuole chiuse in quasi tutta la Regione [ELENCO]

Toscana nella morsa del gelo e del maltempo, con forte rischio neve. La Protezione Civile ha infatti diramato un’allerta rossa, in …

6 comments

  1. i cambi di casacca dovrebbero passare per le dimissioni e per una nuova investitura elettorale

  2. il cambio cadsacca doveva iniziare con dimissioni poi passaggio elettorare per ottenere la nuova elezione del nuovo partito.

  3. E’ tutta una barzelletta: quella del pinocchietto che diceva: chi va via deve lasciare il seggiolino; quella della Serrachiani, altra barzelletta. Ma questi personaggi hanno pensato che gli italiani sono tutti fessi? Verrà la luce diceva quello e li dobbiamo abbagliare. Misera gente questi personaggi.
    Potremo mandarli a casa prima che combinano altri guai. Non voteremo mai più pd (partito della nazione).

  4. Dopo vent’anni di guerra civile (anche se solo mediatica) tra berluschini e mondo ex comunista, l’arrivo dei cinque stelle, ha fatto unire in pochi giorni i due fronti come nulla fosse. Un disperato abbraccio per sopravvivere. A dimostrazione del vuoto di valori ed ideali che c’è dietro ai vecchi partiti. E che il sistema mafioso è uno solo, non c’è nessuna differenza tra destra e sinistra. L’unica differenza reale è tra loro e noi, tra chi si piega e aderisce al sistema e chi ne sta fuori.

  5. Se ne devono andare tutti a casa e senza nessuna prebenda,.

  6. Quelle poltrone sono un miraggio. Beati i c… che siederanno perchè di loro sarà il regno dei cieli. Detto questo è facile arrivare al succo. Cambiare casacca, vendersi per 50000 euro, è cosa normale in questo paese diventato un teatrino dove si attuano e si realizzano sogni. Se posso passare nelle file dell’avversario realizzando un grande sogno, (andasse a mare l’onesta) non devo pensarci su, mi arruolo e sarò fiero di questo (è per il bene del paese). Questo è la sintesi di questi personaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *