Scontro tra Salvini e Chaouki a Radio1Rai

Il tweet di Salvini ai suoi follower è già un programma: “tra poco intervengo a Radio1Rai insieme al simpatico… Chaouki”

Salvini a Radio1rai difende le sue idee sulla questione immigrati: “Non si tratta affatto di profughi di guerra”, sostiene il leader della Lega Nord. “E’ sacrosanto aiutare chi fugge da una guerra, ma in Italia la maggior parte degli immigrati non sono profughi…”, “nei centri di accoglienza non c’è nemmeno un iracheno o un afghano”, paesi attualmente devastati dalla guerra.

Nel resto del mondo, dal Canada all’Australia, vi chiederanno ogni sorta di documento prima di lasciarvi entrare, noi invece tramite MareNostrum, accogliamo chiunque, anche chi non lo merita. Questo il pensiero fisso di Matteo Salvini, che ormai sostiene con decisione ad ogni dibattito politico.

Chaouki: “La lega in questi mesi ha fatto una campagna di demonizzazione contro il tema immigrazione”, ribatte senza mezzi termini, criticando la condotta della Lega Nord, la quale “non ha avuto alcuna proposta alternativa contro il tema”, e ancora, “secondo i nostri dati più del 50% sono rifugiati in cerca di asilo… il problema è la grande disinformazione… gli immigrati non rubano soldi agli italiani, ma viene utilizzato un fondo europeo apposito per aiutarli”.

Sul tema Lega Chiesa Cattolica Salvini spara ancora più duro: “Monsignor Galantini non è un vescovo, perché passa più tempo in estate ad attaccare la Lega Nord”.
Il compito dell’Italia e dell’Europa è secondo Salvini: “Aiutare gli africani in Africa, investire i 3 miliardi di euro per costruire pozzi, strade”.

Infine sul Cara di Mineo: “Il Cara di Mineo è un business della mafia e della sinistra, chiederò ancora una volta che venga chiuso”.

loading...
loading...

2 Comments

  1. Quoto Chaouky: “.. il problema è la grande disinformazione..”
    Verissimo! Un deputato ha senz’altro maggiori fonti d’informazione di noi Elettori.
    Tuttavia Chaouky si schiero’ dalla parte di quei marocchini che si erano cuciti le labbra, mentre erano al CARA di Ponte Galiera (Roma).
    Poi indagini PS dimostrarono che costoro erano al loro secondo tentativo di ingresso. Al primo, trovati a spacciare, incarcerati, processati per direttissima, espulsi e riaccompagnati in Marocco.

  2. iracheni e afgani, c ombattono da partigiani facendo resistenza nei loro paesi ,non fuggono come migrantii

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*