Home » Lavoro & Schiavitù » Scusatemi, ma forse non è solo colpa mia

Scusatemi, ma forse non è solo colpa mia

Scusatemi, ma forse non è solo colpa mia”. È questo lo striminzito messaggio lasciato alla famiglia da un artigiano sardo prima di togliersi la vita. L’ennesima vita stroncata dalla crisi che non troverà le prima pagine dei giornali, ma solo un trafiletto qua e là. Che non avrà un minuto di silenzio in nessuno sport (mica era un soldato in missione di sua sponte a 5mila euro di stipendio al mese). I buontemponi che sono al governo ci dicono di non guardare alla Grecia, lì i suicidi sono oltre il migliaio, quindi va tutto bene. Da inizio anno sono solo 26 in Italia i suicidi causati dalla crisi, c’è ancora molto tempo prima di fingere di fare qualcosa. Nessun Monti, nessuna Fornero si preoccuperanno mai di un pensionato che si toglie la vita perché non riesce a pagare le bollette, di un piccolo imprenditore che la fa finita perché strozzato dalle banche… L’importante è stroncare la monotonia di un posto fisso e licenziare i disoccupati. Il resto, anche i suicidi, è noia.

Loading...

Altre Storie

Al via gli esami di terza media per mezzo milione di studenti

Studenti delle medie alla prove degli esami (e del rito di passaggio che gli esami …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *