Home » Cronaca & Calamità » Si finge dipendente di Equitalia e truffa i debitori

Si finge dipendente di Equitalia e truffa i debitori

Un 45enne di Chieti si presentava ai debitori come un dipendente di Equitalia e approfittava della disperazione della gente per arricchirsi. “Hai un problema con l’Agenzia delle Entrate? Te lo risolvo io”, ripeteva l’uomo ai malcapitati, convinti di poter risolvere velocemente la situazione debitoria. Il truffatore proponeva l’estinzione immediata del debito e dietro pagamento, consegnava false quietanze, documenti liberatori ed atti di assenso alla cancellazione di ipoteche. A scoprire la truffa è stata la Guardia di finanza di Pescara che ha provveduto subito a sequestrare tutti i beni dell’uomo, tra cui appartamenti, garage, 5 Ferrari,  una Maserati, un’Aston Martin, una Bmw e due moto, spesso intestate fittiziamente alla madre pensionata o mai denunciati al fisco. Per diversi anni, come il 2009, tra l’altro, l’uomo denunciava redditi al limite della povertà.

Secondo quanto rivelano ancora le ‘Fiamme Gialle’, il truffatore ‘’operava in tutta la Regione e si apprestava a compierne altre in Alto Adige. L’astuto faccendiere, dapprima individuava le possibile vittime tra i debitori di Equitalia Pragma SpA e, poi, con i più diversi escamotage degni delle migliori performance del ‘principe delle risate’ riusciva ad ingannare i suoi ‘clienti’ facendosi consegnare somme di denaro spesso ingenti’’. L’uomo, ‘’presentandosi quale dipendente di Equitalia SpA e perfettamente a conoscenza delle varie posizioni debitorie dei truffati, si faceva consegnare (con artifici e raggiri) somme di denaro dietro il rilascio di quietanze/verbali ovvero altri documenti liberatori (ad es: atti di assenso a cancellazioni di ipoteche)’’, ovviamente riportanti falsa intestazione della società di riscossione.

Loading...

Altre Storie

Incidente a Bellolampo, morti giovani coniugi su moto

L’incidente è avvenuto sulla strada che porta alla discarica di Bellolampo. Dramma a Palermo. Una giovane coppia di coniugi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *