Home » Tecnologia e Diavolerie » Sigaretta elettronica ustiona gola e polmoni di un fumatore inglese, mandandolo all’ospedale

Sigaretta elettronica ustiona gola e polmoni di un fumatore inglese, mandandolo all’ospedale

Un ragazzo inglese di 33 anni stava passeggiando in compagnia di alcuni amici, mentre fumava la sua sigaretta elettronica, quando improvvisamente sostiene di aver sentito un liquido fluire attraverso la sua bocca, provocandogli gravi ustioni alla gola e ai polmoni. Il fumatore adesso si trova in una camera d’ospedale, collegato ad un tubo dell’ossigeno per poter respirare senza rischiare di stressare troppo le sue vie respiratorie.

Solo che il problema non si è presentato subito, la reazione delle vittima ignara si è limitata a qualche colpo di tosse. Però al mattino seguente, Richard Courtney notò al suo risveglio con molta preoccupazione che faceva seriamente fatica a respirare
In ospedale un’infermiera gli ha mostrato che la sua sigaretta elettronica perdeva del liquido, il quale arrivando fino ai polmoni ne ha ridotto la capacità di lavoro fino al 25 per cento.
Richard Courtney ha detto al Sun: “Mi sentivo come se avessi avuto un nervo intrappolato nella mia spalla. La mattina la mia cassa toracica era come schiacciata e non riuscivo a respirare correttamente..”Sono andato in ospedale. Una delle infermiere ha messo il vaporizzatore della mia sigaretta elettronica in un tubo di ossigeno e ha mostrato che perdeva del liquido. “Voglio rinunciare completamente, ma in questo momento sto solo avendo una strana roll-up. Sono un tale tossicodipendente…”.

La sigaretta elettronica di Richard Courtney, acquistata per 100 dollari, è stata prodotta da una ditta cinese, la KangerTech
Il Mirror ha contattato l’azienda cinese per un commento. Non si sa al momento se possono esservi gli estremi per intentare un’azione legale e chiedere un risarcimento.

Loading...

Altre Storie

Passare da Facebook a WhatsApp con un semplice tocco

WhatsApp e Facebook, due aziende legate da un filo rosso: la proprietà. Presto potrebbero essere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *