Soldi per appalti: perquisite Rai, Mediaset, La7 e Infront

Soldi in cambio di appalti: la Guardia di Finanza sta effettuando da stamane perquisizioni presso le sedi dei principali colossi della Tv italiana. Sono in tutto 44 gli indagati, tra funzionari e dirigenti di Rai, società facenti capo al gruppo Mediaset, La7 e Infront. La notizia è riportata dall’agenzia Ansa, che sottolinea come le perquisizioni in corso da parte delle Fiamme Gialle siano in tutto 60.

Secondo quanto sostiene l’accusa, dall’inchiesta sarebbe emerso un giro relativo all’affidamento di lavori e servizi in cambio di soldi e assunzioni. Nel mirino del pm Paolo Ielo, l’imprenditore David Biancifiori, le cui società avrebbero “ottenuto l’affidamento di lavori e servizi versando ai committenti denaro oppure offrendo loro altre utilità, come vacanze, biglietti aerei ed assunzioni”, sottolinea ancora l’Ansa.

Fatture gonfiate per “ungere” il sistema?

Per ottenere i fondi necessari ad accaparrarsi gli appalti, le società avrebbero sovrafatturato alcuni lavori eseguiti. I funzionari e dirigenti Rai sono ora indagati per concorso in corruzione in quanto pubblici ufficiali, mentre quelli delle società Mediaset, La7 e Infront per appropriazione indebita. Della vicenda si era occupata tempo fa anche la trasmissione televisiva Le Iene.

One Reply to “Soldi per appalti: perquisite Rai, Mediaset, La7 e Infront”

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *