Home » Cronaca & Calamità » Strage di Brindisi, un video inquietante circola in Rete

Strage di Brindisi, un video inquietante circola in Rete

Premetto che non sono un fisico, un chimico, né un esperto di esplosivi e simili. Premetto anche che fino a qualche ora fa la versione ufficiale dei media mi convinceva abbastanza e non avevo troppi motivi per metterla anche in discussione. Era semmai la teoria che dietro la strage di Brindisi ci potesse essere la Sacra Corona Unita a lasciarmi perplesso, come ho anche scritto in un post precedente. Ma questa ipotesi è già stata quasi scartata, quindi è inutile tornaci sopra.

Su Youtube ho appena trovato un video piuttosto inquietante. Fa notare come le tre bombole a gas che sarebbero esplose davanti all’Istituto Falcone, stando alle immagini trasmesse dalla tv, non hanno in verità prodotto danni molto evidenti. Non sono esperto di ordigni – lo ribadisco – però, se non sbaglio, quando una bombola a gas  esplode (una sola bombola a gas, mica tre), viene giù un’intera palazzina. Quante volte avete visto immagini di questo tipo? Purtroppo si tratta di eventi non troppo rari.

Nel video che ho trovato su Youtube si sottolineano parecchie “stranezze”: è assurdo che non si sia formato alcun cratere; incredibile è come nessun albero vicino all’esplosione si sia bruciato; ma le cose strane sono anche altre.

Ora, qua non si vuole parlare di complotti o robe simili: c’è bisogno di riflettere e non di sparare sentenze. Ma credo che segnalare questo video possa dare un contributo a capire cosa è accaduto realmente quel maledetto 19 maggio, quando una studentessa è morta e altre 5 sono rimaste ferite. Cercare la verità è un dovere che abbiamo, prima di tutto nei loro confronti. E cercare la verità vuol dire andare oltre le ideologie, di qualunque tipo esse siano.

Loading...

Altre Storie

Cina Shock:Il primo trapianto di testa su cadavere al mondo, è russo il primo volontario

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero a effettuare quest’intervento senza precedenti. Il dottor Cana vero …

4 comments

  1. hai ragione non avevo pensato. Se non ricordo male durante le olimpiadi, anni fa, esplose una bombola con dei chiodi che causo feriti e credo morti, sarebbe interessante vedere che danni procuro quell’ordigno cosi simile a questi di brindisi

  2. Perdonami ma non accetto questo genere di polemiche sulla vicenda. Non voglio minimamente difendere i media che meriterebbero ben altra gogna ma quella che si vede è solo una ricostruzione probabile di come sono andati i fatti, non è una prova della scientifica, un po come dire “la ricostruzione 3d la faccio io e la faccio come voglio” e sono liberissimi di farlo. Quanto all’esplosione delle bombole negli appartamenti ti spiego cosa succede: una bombola è un contenitore che contiene gas compresso. Quando questo fuoriesce nello spazio immediatamente vicino (normalmente la cucina) la stanza si satura. Quindi o compresso in una bombola o libero in una stanza è uguale e la minima scintilla, che può venire anche da un maglione di lana caricato di elettricità statica, fa il resto. Se bisogna fare necessariamente polemiche che si facciano con cognizione di causa

  3. Una bombola esplode in un appartamento perchè nell’ambiente interno il gas è diffuso. Una scintilla, una qualsiasi variazione di calore provoca una deflagrazione non solo alla bombola ma nell’intero ambiente circostante. L’esplosione trova sfogo dove trova meno resistenza e cioè per aria. L’effetto che provoca danni sono le proiezioni dei pezzi di metallo e non tanto lo scoppio che può provocare lesioni ai timpani.

  4. una bombola (o 3 non fa differenza) esplodendo da una fiammata laddove il gas è mescolato con l’ossigeno, altrimenti non brucia, un esplosivo brucia anche sott’acqua senza ossigeno, all’aperto, sull’asfalto e sollevata da terra gli effetti sono: una fiammata, uno spostamento d’aria, il lancio dei frammenti delle cose che gli stanno intorno: bombola, cassonetto, ecc. Se ti trovi sulla traiettoria di un frammento sei morto, se gli stai solo vicino sei colpito dalla fiammata di breve durata, non è un liquido e non si attacca alla pelle, hai un’ustione più o meno diffusa, ti ricoverano al reparto grandi ustioni per esempio a brindisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *