Home » Economia & Caste » Super-manager: la rotazione ci costerà 20 milioni di euro

Super-manager: la rotazione ci costerà 20 milioni di euro

moretti-trenitalia-buonuscitaI supermanager pubblici ci potrebbero costare 20 milioni di euro tra bonus e liquidazioni. Lo scrive oggi ‘Il Fatto Quotidiano’ secondo cui gli addii di Paolo Scaroni all’Eni, di Fulvio Conti all’Enel, di Flavio Cattaneo a Terna, di Mauro Moretti alle Fs, di Massimo Sarmi a Poste italiane e di Domenico Arcuri a Invitalia graveranno sulle casse dello stato italiano per la mostruosa cifra di 20 milioni di euro.

Scaroni, ad esempio, in scadenza del terzo mandato, incasserebbe 8,3 milioni di buonuscita, mentre Conti intascherebbe qualcosa come 6,4 milioni, a meno che non gli venisse dato un incarico equivalente. Insomma, o li si ricicla dando loro un altro stipendio d’oro, o gli si dà una buonuscita da emiri. Cattaneo, invece, avrebbe diritto a 2,4 milioni di euro, mentre non è dato sapere quale cifra sontuosa andrà nelel tasche di Massimo Sarmi, alle Poste dal 2002, Moretti e Arcuri. Unica eccezione, Alessandro Pansa di Finmeccanica che è l’unico ad aver rinunciato “all’applicabilità di qualsiasi trattamento di fine mandato in caso di cessazione dalla carica”.

 

Loading...

Altre Storie

Cina shock: primo trapianto di testa su un cadavere, è russo il primo volontario vivente

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero ad effettuare quest’intervento senza precedenti. Il dottor Canavero metterà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *