Home » Varie & Avariate » Svolta nella Chiesa Anglicana: pronto il via libera ai vescovi gay

Svolta nella Chiesa Anglicana: pronto il via libera ai vescovi gay

ChristChurchAnglicanLa chiesa di Inghilterra e Galles ha deciso di rimuovere la moratoria che impediva l’ordinazione di vescovi tra i componenti del clero dichiaratamente omosessuali. Alla guida del clero anglicano ci potranno dunque essere porporati gay. Ad un’unica condizione però: i vescovi dovranno esplicitamente esercitare la scelta del celibato. La notizia è stata riferita dalla Bbc.
L’annuncio della Church’s House of Bishops permetterà di diventare vescovo anche a quei componenti del clero già in unioni civili, ma con la promessa di mantenere il celibato. In una precedente decisione, la Chiesa anglicana aveva permesso a persone unite civilmente di far parte del clero e anche in quel caso era richiesta la promessa di celibato e il pentimento per attività omosessuali precedenti. Le medesime condizioni sono adesso estese nei casi di ordinazione di vescovi.Ma non tutti appaiono d’accordo con questa “innovazione”. I conservatori evangelici anglicani hanno già reso noto che si opporranno con forza. Non è tuttavia scontato che la decisione per diventare effettiva debba passare per l’approvazione del Sinodo.

Si tratta dunque di una problematica spinosa che si protrae, peraltro, nel tempo. Vi è un acceso dibattito in seno alla Chiesa, almeno dal 2003 quando un prelato omosessuale fu ordinato vescovo di Reading, ma poi costretto a dimettersi per le proteste dei tradizionalisti.

Fonte: Tgcom24
Loading...

Altre Storie

“Ho preso una sigaretta da un alieno”: Cannabis shock, bambino ricoverato grave intossicazione

E’ accaduto a Milano, dove un bambino di 7 anni è risultato intossicato dalla cannabis. La notizia …

One comment

  1. Zoff Gentile Cabrini

    La chiesa Anglicana è una burletta, voluta a suo tempo da un re sanguinario e paranoico.
    Non è una cosa seria, come invece – di solito – la chiesa Cattolica, o la Luterana, la Ortodossa, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *