Swatch e Visa creano Swatch Bellamy, l’orologio da polso con cui effettuare pagamenti

Swatch. Da quanto tempo non sentivamo più questo nome? L’orologio da polso che ha spopolato tra soprattutto tra i giovani durante gli anni novanta era andato quasi del tutto dimenticato. Ora per farci ricordare che la sua linea non è affatto morta, anzi è più viva che mai, l’azienda un tempo leader nel settore, ha collaborato con Visa per creare un modello del tutto unico: lo Swatch Bellamy, un orologio che permette di effettuare pagamenti con appena un colpo di polso. L’orologio è dotato di chip, il Near-Field Communications (NFC), che utilizza onde radio ad alta frequenza per comunicare con i terminali di pagamento contactless di Visa. Il chip si trova sotto il quadrante dell’orologio e un semplice tocco del dito basta ad avviare una transazione.Questo nuovo tipo di transazioni non richiedono assolutamente alcuna energia a tutti dal l’orologio stesso, il che significa che le battere dureranno come quelle di un normale Swatch, ha detto un portavoce della società.

swatch bellamy

Adesso vi state chiedendo: ma questo Swatch Bellamy come funziona?

Lo Swatch Bellamy dispone della tecnologia contactless NFC , che utilizza le onde radio ad alta frequenza per consentire ai dispositivi elettronici di comunicare su distanze brevi, di solito a meno di 10 cm. I nuovi orologi Swatch Bellamy hanno tutto le caratteristiche che hanno reso famosa l’azienda nel mondo: colori vivaci e design fantasioso. Come una carta bancomat prepagata, lo Swatch Bellamy permette ai clienti di pagare per quei prodotti che utilizzano i terminali POS contactless.Il prezzo si aggira intorno ai 100 dollari circa, e al momento verrà esteso ad un numero limitato di modelli in diversi paesi per la sua fase iniziale, ma ci si aspetta che col tempo questa lista crescerà sempre di più. Per ora, solo i titolari di carte Visa negli Stati Uniti, in Brasile e in Svizzera avranno la possibilità di sperimentare la tecnologia alla sua uscita, fissata all’inizio del 2016. La Swatch infatti ha confermato lunedì che inizierà a vendere il suo smartwatch nei primi mesi del 2016.
Ciò che offre Bellamy non è però una funzione mai sperimentata fino adesso, poiché un’opzione simile è già disponibile con l’S2 Gear e con l’orologio di Apple, ma, a differenza di questi ultimi, il Bellamy non dispone di un display e altre applicazioni digitali. L’azienda non ha fornito molti altri dettagli sul suo primo smartwatch, con il quale intende riconquistare un mercato che un tempo dominava.

Il nome Bellamy deve il suo nome a quello dallo scrittore americano Edward Bellamy, che ha scritto un romanzo nel 1888, intitolato “Looking Backward 2000-1887“, nel quale si prevedevano forme di transazioni alquanto fantascientifiche, per quei tempi. Edward Bellamy immaginava infatti un mondo distopico dove i contanti erano stato sostituiti da carte di credito a debito. La parola “Bel ami” però si traduce anche in “buon amico” in francese, può richiamare alla mente anche il romanzo omonimo dello scrittore francese Guy de Maupassant.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*