Home » Politica & Feudalesimo » Test animali: grazie alla Lorenzin pagheremo 150 mila euro di multa al giorno

Test animali: grazie alla Lorenzin pagheremo 150 mila euro di multa al giorno

Prime Minister Designate Enrico Letta Presents New Italian GovernmentLa Commissione Europea sta per deferire l’Italia alla Corte di giustizia dell’UE per il mancato recepimento della direttiva 2010/63 in merito allo svolgimento di test sugli animali. Lo riferisce l’agenzia Ansa, secondo cui la decisione verrà presa nella giornata di oggi: se ci sarà, come ci sarà, infrazione, grazie all’incuria del Governo Letta e del Ministro Lorenzin, ora indagata dalla procura di Roma, i cittadini italiani pagheranno 150 mila euro al giorno di multa.

I contenuti della direttiva 2010/63 riguardano la protezione degli animali utilizzati a fini scientifici all’interno dei paesi membri: al suo interno vi sono una serie di vincoli che avrebbero dovuto essere applicati in Italia con una legge definitiva entro il 2013. Così non è stato, nonostante già nel giugno 2013 l’UE avesse avvisato le autorità italiane emettendo un cosiddetto ‘parere motivato’, ultimo stadio della procedura d’infrazione prima del deferimento alla Corte.

In merito a questa vicenda, il Partito Animalista Europeo ha denunciato il Ministro Lorenzin che è ora indagato dalla Procura di Roma: il sospetto è che la direttiva non sia stata recepita volutamente dal ministro, per favorire le lobby delle case farmaceutiche. Dimissioni? Manco a parlarne.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata da batterio killer Pseudomonas aeruginosa: i lotti interessati

Dopo l’ultimo episodio che ha terrorizzato parecchie persone sulla vicenda del batterio killer Pseudomonas aeruginosa …

One comment

  1. Questo governo sta uccidendo l’italia e va eliminato strappando le radici in modo di sopprimerlo definitivamente senza pietà,perchè loro non hanno avuto pietà del popolo italiano. ricordatevi che la tera è piccola e nessuno è INVISIBILE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *