Home » Politica & Feudalesimo » The Economist su Renzi: “Un guazzabuglio disordinato”

The Economist su Renzi: “Un guazzabuglio disordinato”

renzi-solaInutile negarlo, Matteo Renzi ha sorpreso un po’ tutti con i suoi metodi nuovi: pur non avendo rottamato nessuno, si è mostrato al Mondo intero come il giovane che ce l’ha fatta (a fare cosa non si sa). Slide sempre pronte, evidenziatori in mano e tanti bei giri di parole, che spesso sono il nulla mischiato con il niente. La stampa italiana è ormai ipnotizzata dal finto rottamatore, e tranne qualche eccezione (Andrea Scanzi del Fatto Quotidiano), nessuno evidenzia che le promesse fin qui fatte, sono state solo spot elettorali, come se si fosse in una campagna perpetua.

Le ipotesi sul PIL fatte da Renzi si sono rivelate tutte false, l’elemosina delle 80 euro ci sono costate l’aumento di oltre 10 tasse e quando è andato in Europa, come un Berlusconi qualunque, il presidente del Consiglio è scappato dalle domande dei giornalisti. A lui piacciono i monologhi nei quali dice una serie di banalità incredibili: “Dovrà esserci la pace in Medio Oriente un giorno”; “serve più equità sociale”; “abbasseremo le tasse”; “più tutele per i pensionati”; “non aumenteremo le tasse”… Sì, ma come? Quando?

Ovviamente, la stampa internazionale non ci casca come gli italiani beoti, a testimoniarlo ‘The Economist”:

This week Mr Renzi tweeted a picture of his desk, meant to show he was hard at work (hashtagged #lavoltabuona), but some saw only a disorganised jumble of papers, pens, highlighters and half-drunk orange juice.

Traduzione:

Questa settimana il sig. Renzi ha twittato una fotografia della sua scrivania con l’intento di mostrare quanto stesse lavorando sodo (hashtag #lavoltabuona), ma si è visto solo un guazzabuglio disordinato di carte, penne, evidenziatori e succo di arancia mezzo bevuto.

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Dieta mediterranea può prevenire il cancro: ecco perché

Che lo stile alimentare rappresenti un fattore fondamentale per vivere a lungo è assodato. Ma …

2 comments

  1. Renzi, al proprio insediamento, aveva promesso e dichiarato: “Una riforma al mese”. Oggi si parla “entro il 2015”. Quali difficoltà avrà trovato? Cinque anni come Presidente Provincia di Firenze e CINQUE anni come Sindaco a cosa gli sono serviti, oltre alla paghetta????

  2. Qualcosa l’ha ottenuta: una condanna per danno erariale in primo grado quando era alla provincia, un’indagine della corte dei conti su danno erariale per quando era seindaco (a settembre la sentenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *