Home » Cronaca & Calamità » Thyssen,condanne confermate,una sentenza che non fa giustizia: Respinta la richiesta del Pg che apriva a un terzo dibattimento

Thyssen,condanne confermate,una sentenza che non fa giustizia: Respinta la richiesta del Pg che apriva a un terzo dibattimento

044245112-030f0361-83d9-44d8-af8f-608aee76e930Al processo per il rogo alla Thyssen krupp,dopo otto anni,è stata posta la parola fine: ma forse non c’è troppo da gioirne. La Cassazione ha confermato la condanna emessa dalla Corte d’Appello di Torino un anno fa: e questo nonostante il procuratore generale, ieri mattina, avesse chiesto )il rifacimento del processo perché le pene gli parevano troppo alte. I familiar idelle vittime erano subito esplosi in grida di rabbia,ma le tesi del procuratore generale apparivano più che fondate, anzi. Poco importa: l’ex amministratore delegato Harald Espenhahn ha preso nove anni e otto mesi, i dirigenti Marco Pucci e Gerald Priegnitz sei anni e dieci mesi, il manager Daniele Moroni sette anni e sei mesi, l’ex direttore dello stabilimento Raffaele Salerno otto anni e sei mesi,infine il responsabile della sicurezza CosimoCafuer sei anni e otto mesi. I quattro imputati italiani l’avevano preannunciato: se non sono già in carcere da ieri sera,vi entreranno questa mattina.

Vi è da chiedersi se i giudici dei processi mediaticamente esposti,oggigiorno, non vadano tanto difesi dai politici (i quali, semmai, a ogni attacco conferiscono status e medaglie alle toghe di turno)ma vadano difesi dal fantasma della pretesa «opinione pubblica»,dal giustizialismo della gente comune, dai parenti, dai comitati, dalle voci di popolo sobillate e amplificate dai microfoni dei giornalisti. È questo il peso che grava sui giudici, oggi: non quello di una screditata classe politica. Ieri mattina,il fatto che il pg della Cassazione avesse chiesto l’annullamento delle condanne e la rideterminazione delle pene per omicidio colposo plurimo (concedendo alcune attenuanti che erano state negate) è stato infatti accolto in questo modo: «venduti», «bastardi», «vergognatevi, non c’è giustizia per i nostri morti»; un parente, rivolto a un condannato a 7 anni e 6 mesi, gli ha urlato «spero che muoia bruciata anche la sua famiglia».

Poi, in serata, dopo la conferma delle condanne, si esultava per la «vittoria, una vittoria per noi e per tutte le vittime morte sul lavoro». Il rogo alla Thyssenkrupp fu qualcosa di orrendo: nella notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007 alle fonderie di Torino scoppiò un incendio e morirono uno dopo l’altro,nell’arco di venticinque giorni di agonia, sette operai: Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo, Bruno Santino e Antonio Schiavone. Un operaio che si salvò,Antonio Boccuzzi,divenne deputato per il Partito democratico, e anche lui, ieri mattina,con toni più misurati, declamava il suo pubblico «vergogna»:«Le richieste della procura sono un fulmine a ciel sereno, lo stesso vale per il rischio che i due imputati tedeschi possano scontare in Germania una pena dimezzata». Già, ma perché? Semplicemente perché, nell’ordinamento tedesco, l’omicidio colposo ha un tetto massimo di cinque anni, e gli accordi internazionali tra Italia e Germania (una direttiva Ue) prevedono che gli imputati possano scontare la pena nello ropaese,secondo le norme dell’oro paese. E così sarà. Ma torniamo all’iter processuale: parliamo di un dibattimento alla cui fine, in primo grado, non hanno assolto nessuno, e in cui un amministratore delegato prese 16 anni e mezzo per omicidio volontario con la formula del «dolo eventuale».

Il procuratore aggiunto Raffaele Guariniello aveva chiuso le indagini preliminari in due mesi e 19 giorni, questo mentre la Thyssenkrupp pagava 13 milioni di euro ai familiari delle vittime e 4 milioni ad altre parti civili che si erano costituite nel processo. Poi ci fu il primo processo d’Appello, al termine del quale la formula dell’accusa non resse – e non pare strano – e fu derubricata a omicidio colposo «aggravato dalla colpa cosciente», sentenza tuttavia parzialmente annullata dalla Cassazione che, il 24 aprile 2014, confermò comunque la responsabilità degli imputati con pene che andavano ricalcolate. Poi, dunque e ancora, il processo d’Appello bis: si chiuse il 29 maggio 2015 e le penefurono sì ridotte, ma certo non di molto; il manager che in primo grado aveva preso 16anni per omicidio volontario ne prese «solo» 10 (perché il dolo non vi fu)mentre altri manager presero da 7 a 9 anni; uno di loro vide la sua pena ridursi di due mesi (su dieci anni)e lievi riduzioni riguardarono gli altri: sette anni per i manager Gerald Priegnitz e Marco Pucci, nove anni per il dirigente Daniele Moroni, otto e mezzo per il direttore dello stabilimento torinese Raffaele Salerno, otto anni per il responsabile sicurezza Cosimo Cafueri.

Nell’insieme – attenzione – stiamo parlando della sentenza più dura mai emessa in Italia per infortuni legati al lavoro. E quale fu il risultato? Fu che la gente, alla lettura della sentenza, gridò ovviamente «vergogna» e questo con motivazioni che in ogni processo di risonanza mediatica, ormai, si somigliano tutte: «la pena è troppo bassa», «vogliamo la verità», «hanno coperto i mandanti» e «questa è la giustizia italiana, che schifo». Sono frasi testuali raccolte dopo la sentenza d’appello,sono grida disperate di chi ha sofferto e ancora soffre, come succede in tutti i processi per morte di qualcuno: ma è un qualcosa che non può essere, ogni volta, una giustificazione a tutto. Nei tanto evocati paesi civili queste scene non esistono o vengono punite, oppure, male che vada, accadono fuori dal tribunale. Da noi si occupano le aule, si insultano i giudici e gli avvocati,e i giornalisti possono limitarsi a porgere il microfono e a fomentare chi la spara più grossa, anzi, mediatica.»Siamo arrabbiatissime, sfinite, addolorate», lamentavano ieri alcuni parenti delle vittime,ormai abituati ai microfoni; «non possono stremare delle madri e delle sorelle… stanno studiando tutti i cavilli per abbassare le pene» aggiungeva un’altra commentatrice rivolta alle telecamere. Poi, in serata, la «vittoria»: come se due anni in più o in meno facessero la differenza, anzi, facessero giustizia.

ROMA «La parola fine è arrivata. Dopo quasi dieci anni, giustizia è fatta»: le mamme, le sorelle e le mogli dei sette operai morti nel rogo dello stabilimento Thyssen di Torino, ascoltano la lettura del verdetto definitivo della Cassazione, e piangono: «È una vittoria per tutti i morti sul lavoro. Ora possiamo andare dai nostri ragazzi al cimitero e dire finalmente che c’è stata giustizia». I supremi giudici hanno appena confermato le condanne dell’appello-bis nei confronti dei sei imputati. La pena più alta è di 9 anni e 8 mesi inflitta all’ex ad Ha- rald Espenhahn, quella più bassa, di 6 anni e 3 mesi per i manager Marco Pucci e Gerald Priegnitz. Conferma anche per gli altri dirigenti: Daniele Moroni a 7 anni e 6 mesi, Raffaele Salerno a 7 anni e 2 mesi e Cosimo Cafueri a 6 anni e 8 mesi. Bocciata, dunque, la richiesta del procuratore generale Paola Filippi che aveva concluso sollecitando un terzo processo in vista di una riduzione delle pene, di un ricalcolo che ha provocato molte polemiche e le proteste dei parenti delle vittime. In aula c’è anche Antonio Boccuzzi, unico superstite del rogo ora deputato del Pd. La decisione dei Supremi giudici lo emoziona, si inginocchia e scoppia in un pianto liberatorio: «Questo cielo nero un po’ si è aperto – dichiara – Abbiamo avuto tanta paura perché le parole del pg erano inaspettate. Ma la giustizia, quando vuole, sa dare le risposte giuste, come è avvenuto stasera». Si abbracciano tutti. Qualcuno telefona anche ai familiari delle vittime dell’Eternit.
LACAMERADI CONSIGLIO
Con una camera di consiglio abbastanza veloce, i giudici della IV Sezione penale presieduti da Fausto Izzo, hanno respinto i ricorsi dei sei imputati. La sentenza conferma le conclusioni san- zionatorie stabilite dalla Corte d’Appello di Torino il 29 maggio 2015 al termine dell’appello bis che aveva un po’ limato le condanne su indicazione della stessa Cassazione. Nel 2013, infatti, le Sezioni unite avevano escluso il reato della mancata installazione dell’impianto di autospegnimento in caso di incendio dal momento che, a loro avviso, non avrebbe potuto impedire il tragico incendio. «Questa mattina abbiamo pianto di rabbia, adesso versiamo lacrime di gioia, anche se il nostro dolore sarà per sempre», dice Grazia Rodino, mamma di Rosario. Con lui, dopo un’atroce agonia, sono morti i compagni di lavoro, Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rocco Marzo, Bruno Santino e Antonio Schiavone. Durante la requisitoria il sostituto procuratore della Cassazione, trattamento sanzionatorio doveva essere “abbassato”, ma che «purtroppo la Corte d’Appello di Torino ha errato nell’interpretazione della sentenza delle Sezioni unite». Un punto di vista che sembrava aver colto di sorpresa anche il collegio giudicante che, comunque, non ha ritenuto di accoglierlo confermando le pene.
GLIIMPUTATI
I quattro imputati italiani dovrebbero costituirsi spontaneamente in carcere. Per i due tedeschi, invece, sarà necessario un mandato di cattura europeo, ma non è escluso che in Germania si apra la strada per un rilevante ridimensionamento delle loro condanne.
«Lì il tetto edittale massimo per l’omicidio colposo plurimo è di cinque anni», ha spiegato l’avvocato Ezio Audisio, difensore di Harald Espen Hahn e Gerald Priegnitz. Per effetto di una convenzione tra Italia e Germania, che attua una direttiva quadro comunitaria, è possibile che i tedeschi scontino la pena nel loro paese in base alle loro norme, dopo un procedimento davanti alla Corte federale. In serata, si è sospeso dall’incarico il responsabile delle partecipate del gruppo Il- va, Marco Pucci, ai tempi dell’incendio direttore commerciale dell’azienda di Torino. Passerà la notte nella sua casa di Terni per presentarsi questa mattina in questura. E intanto la Tys- senkrup dichiara: «Esprimiamo ancora il nostro cordoglio e rispettiamo la sentenza».

Loading...

Altre Storie

Aviaria, Hong Kong vieta l’import di pollo e uova da Padova

L’autorità sulla sicurezza alimentare di Hong Kong ha preannunciato nella giornata di ieri il blocco delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *