Home » Politica & Feudalesimo » Traffico e spaccio di droga: arrestato candidato alla Camera calabrese

Traffico e spaccio di droga: arrestato candidato alla Camera calabrese

traffico-drogaC’è anche un candidato alla Camera tra le sei persone arrestate ieri dai carabinieri della Compagnia di Paola (Cs) per traffico e spaccio di droga. Si tratta di Emilio Enzo Quintieri, di 27 anni, già esponente della formazione ambientalista Vas (Verdi ambiente e società) e candidato in Calabria alla Camera nella lista «Amnistia giustizia e libertà». Insieme a lui sono state arrestate altre cinque persone. Una, Davide Pinto (31), è finita ai domiciliari, due, i fratelli Carmine e Giuseppe Antonuccio (20 e 21 anni) erano già detenuti per altra causa, mentre Quintieri è stato arrestato stamani insieme a Luca Occhiuzzi (25) e Ido Carmine Petruzzi (24). Tutti gli arrestati erano già noti alle forze dell’ordine.

Le indagini sono partite un anno fa, in seguito all’arresto di Franco e Pierfrancesco Pinto, padre e figlio, avvenuto nel febbraio dello scorso anno dopo il ritrovamento di un fucile e cinque pistole. I carabinieri sono risaliti al gruppo che spacciava sulla costa tirrenica e nell’hinterland di Cosenza.   Alcuni spacciatori utilizzati dal gruppo, tra l’altro, sono minorenni e la loro posizione è al vaglio del Tribunale dei minorenni di Catanzaro.

I militari si sono mossi nei comuni di Paola, Acquappesa e Cetraro. Nel corso dell’attività investigativa, iniziata nel febbraio 2012, sono state arrestate 6 persone ed altre 3 sono state denunciate in stato di libertà. Inoltre recuperati 2 fucili, 5 pistole, un silenziatore e numeroso munizionamento e sequestrati 3 chilogrammi di hashish, 2 kg di marijuana e 28 grammi di cocaina. Eseguite numerose perquisizioni.

Fonte: ilquotidianodellacalabria.it

Loading...

Altre Storie

Bodybuilder in ospedale con il pene incastrato nei manubri del bilanciere, arrivano i vigili del fuoco a liberarlo

Un culturista abitante della Germania si è trovata ad affrontare uno spiacevole inconveniente a dir …

One comment

  1. Piccolo Scrivano Malandrino

    Poveretto, magari doveva portarla ai colleghi parlamentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *