Home » Salute » Bere una tazza di tè al giorno allontana la demenza senile

Bere una tazza di tè al giorno allontana la demenza senile

Che il abbia tantissimi benefici non è di certo una novità, ma forse il fatto che bere una tazza di tè al giorno, sia che esso sia nero o verde o di altre varietà possa in qualche modo diminuire i rischi di semenza senile addirittura del 50%, potrebbe risultare davvero una grande novità in campo medico scientifico. Ad osservare la riduzione sostanziale dei casi di demenza mentale tra i consumatori abituali di tè è stato un nuovo studio effettuato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Singapore i quali hanno dichiarato che bere una tazza di tè al giorno dimezzerebbe i rischi di demenza senile del 50%. Dallo studio è emerso che l’86% tra chi è portatore di una mutazione genetica che favorisce i disturbi del declino mentale e si tratterebbe del gene APOE che nella variante dell’allele E4 sembra favorisca lo sviluppo dell’Alzheimer.

Da quanto è emerso dallo studio effettuato dai ricercatori dell’Università di Singapore e condotto nello specifico da Feng, il tè sembra avere davvero delle proprietà benefiche per la salute del nostro cervello; i ricercatori pare abbiano rilasciato nelle scorse settimane un comunicato stampa sui dati emersi dalla loro indagine. I ricercatori nello specifico hanno seguito circa 957 individui di età dai 55 anni in su ma sembra abbiano tenuto conto anche di altre condizioni, ovvero della salute e degli stili di vita dei partecipanti; i risultati purtroppo non sembrano essere molto chiari e nello specifico sembra che i ricercatori abbiano messo in evidenza il fatto che, il rischio di demenza nei soggetti monitorati è dimezzato soltanto nei bevitori quotidiani di tè e pare questo sia sceso dell’ 87% tra i portatori del gene alterato.

Questo effetto benefico sarebbe attribuibile alle catechine ed ai flavonoidi presenti nelle foglie del tè, i quali pare abbiano delle potenti sostanze antinfiammatorie che andrebbero ad agire sul cervello proteggendolo. Lo studio in questione si è rivelato piuttosto importante dal punto di vista della prevenzione e per questo motivo è stato  ritenuto un ottimo punto di partenza per la cura ed il trattamento di malattie neuro-degenerative come l’Alzheimer; la ricerca è stata pubblicata sulla rivista USA “Journal of Nu,trition” e posta all’attenzione dei più grandi ricercatori del mondo. Il tè rappresenta la bevanda più diffusa nel mondo dopo l’acqua, le cui foglie vengono ricavate da una particolare pianta ovvero la Camelia Sinensis, un arbusto sempreverde e ramoso che può raggiungere un’altezza di 2 metri al massimo; la coltivazione del tè viene principalmente in Cina, India, Giappone e Kenya.

Ad oggi esistono diversi tipi di te, da quello verde a quello nero, bianco, classico etc. Particolarmente in voga nell’ultimo periodo sembra essere il tè verde, una preziosa bevanda che può essere gustata sia calda in inverno che fredda o tiepida durante la stagione estiva; il tè verde sembra abbia diverse proprietà benefiche, e nello specifico risulta essere un antibatterico naturale, un antiossidante, diuretico, previene i tumori della pelle e all’utero, previene anche l’ictus ed aiuta a dimagrire.

DEMENZA SENILE: ECCO COSA DOVETE SAPERE

L’INVECCHIAMENTO NORMALE È diffusa l’opinione che l’invecchiamento si accompagni inesorabilmente alla perdita di numerose funzioni sia fisiche che mentali. Col trascorrere degli anni udito, vista, memoria, intelligenza, agilità, equilibrio e così via subirebbero un declino inevitabile. Secondo questa visione negativa della vecchiaia sono tuttora validi l’antico aforisma “senectus ipsa morbus” e la più recente, ed ugualmente insopportabile, immagine di Shakespeare secondo il quale sono numerosi i tributi che si devono pagare alla vecchiaia: “senza memoria, senza denti, senza occhi, senza tutto”. Il deterioramento delle capacità mentali – che una cultura obsoleta continua a considerare “naturale”– è in realtà causato, più spesso di quanto non si creda, oltre che da numerose malattie, alcune delle quali curabili, dall’abbandono, dall’emarginazione sociale, dalla perdita di relazioni affettive, nonché dalla carenza di esercizio mentale e fisico. La ricerca scientifica sempre più spesso documenta come molte delle perdite attribuite alla macina del tempo sono provocate da un cattivo stile di vita, da abitudini alimentari errate e dallo scarso esercizio. Va sottolineato fin da ora che la grande maggioranza delle persone anziane – oltre i 65 anni – conserva un cervello in grado di funzionare in modo corretto. Nel corso delle frequenti conversazioni con gli anziani ci piace spesso usare la metafora dell’orologio: ciascuno di noi, alla nascita, ha al proprio interno un orologio (verosimilmente ubicato nel cervello) che scandirà il tempo dell’esistenza, la cui molla è caricata in modo da consentire una sopravvivenza che nella grande maggioranza dei casi è di 110-120 anni. Se nei nostri geni – la molla dell’orologio – è scritto, in parte, il nostro destino, la possibilità di raggiungere l’età avanzata sarà condizionata dal modo in cui conserviamo l’orologio, evitando con cura che si ammacchi, che si inceppi prematuramente oppure che la molla possa arrugginirsi. Recentemente inoltre è stato dimostrato che, accanto a fenomeni di perdita – di cellule e di collegamenti – nel cervello senescente sono conservate capacità riparative e rigenerative; questa proprietà, nota col termine di plasticità neuronale, potremmo immaginarla come quella di un orologiaio che interviene a riparare alcuni danni. La plasticità è il meccanismo del cervello che ne regola la caratteristica di essere continuamente modificato e modificabile dal prodotto della sua stessa attività. L’invecchiamento cerebrale non è un processo monolitico, a senso unico, di logoramento, dominato dalla perdita, ma è influenzato da variabili complesse che possono, al contrario, nell’equilibrio instabile tra logoramento e plasticità, favorire un invecchiamento di successo. Proseguendo nella metafora, come possiamo aiutare l’orologiaio e come consentire un buon funzionamento dell’orologio? In altri termini, com’è possibile conservare, ottimizzare o amplificare la plasticità neuronale? L’attività mentale e fisica rappresentano potenti mezzi per amplificare i meccanismi di difesa dell’organismo e del cervello. È stato dimostrato che un ambiente stimolante e l’opportunità di un maggior esercizio producono un aumento di spessore e peso del cervello, un aumento dei collegamenti tra neuroni nonché un miglioramento delle performance generali. Numerose osservazioni, ottenute prevalentemente in laboratorio, suggeriscono l’evidenza di un effetto protettivo della stimolazione: “Usalo o lo perderai” titolava un recente articolo riferendosi al cervello; dovrebbe essere il motto per tutta la vita. Sono numerosi gli anziani che in età avanzata conservano la capacità di svolgere compiti complessi (con l’esclusione naturalmente di quelli che comportano agilità o forza fisica, che iniziano a declinare, per effetto dell’invecchiamento, attorno ai 30 anni) e di rivestire incarichi sociali impegnativi. Numerosi sono gli artisti che nella vecchiaia hanno prodotto capolavori; altrettanto numerosi sono gli scrittori ed i politici che in vecchiaia mantengono un’intensa attività. È stato dimostrato infine, in un gruppo di anziani che svolgevano regolarmente attività fisica anche dopo il pensionamento, che la circolazione.

LA MEMORIA DELL’ANZIANO I disturbi della memoria rappresentano uno dei motivi che più frequentemente inducono l’anziano a rivolgersi ad un geriatra. Tuttavia spesso ciò avviene solo quando la smemoratezza è tale da interferire pesantemente con la possibilità di una vita autonoma; in questo caso, abitualmente, il paziente non è consapevole delle proprie disabilità e sono i familiari a richiedere l’aiuto di un esperto. È ancora troppo diffusa, infatti, la convinzione che l’età comporti, inesorabilmente, una riduzione più o meno evidente della memoria; è così che disturbi lievi, ritenuti, erroneamente, inevitabili ed incurabili, vengono spesso trascurati. È opportuno chiarire fin d’ora una regola generale che si applica a numerose malattie tipiche dell’anziano: l’efficacia di un intervento terapeutico, e quindi la possibilità di ottenere una guarigione o comunque un controllo adeguato, è condizionata dalla tempestività con la quale si riconosce una malattia. Anche nel caso dei disturbi di memoria vale questa regola.

COS’È LA MEMORIA E COME FUNZIONA La memoria è, accanto all’intelligenza, una delle funzioni più complesse dell’attività umana e può essere definita come la capacità di riprodurre nella propria mente un’esperienza precedente; in altri termini, è quell’insieme di funzioni localizzate nel cervello che ci consentono di registrare messaggi o informazioni grazie alla collaborazione degli organi di senso (udito, vista, tatto, gusto) e di rievocarli quando lo desideriamo. Quotidianamente, tramite i nostri sensi, il cervello riceve enormi quantità di segnali di vario genere, dei quali siamo più o meno consapevoli, la maggior parte dei quali non lascia traccia. I sensi sono essenziali per l’acquisizione di nuove informazioni, che poi vengono immagazzinate nella memoria. Ad esempio, una persona che soffre di presbiacusia (cioè della incapacità di sentire i suoni di frequenza elevata) può con facilità non sentire lo squillo del telefono, può avere difficoltà nell’ascoltare la voce delle persone, specialmente delle donne, e può avere problemi nell’interpretare le parole ricche di consonanti come F, S e Z. Le persone affette da questo disturbo possono sembrare “smemorate”, quando, invece, il vero problema è la mancanza di corrette informazioni. In modo analogo anche i disturbi della vista possono provocare, seppure indirettamente, deficit della memoria. Il buon funzionamento della memoria dipende oltre che dal livello di integrità degli organi di senso, anche dal grado di attenzione che il soggetto rivolge ad un dato evento, dalla risonanza affettiva che quest’ultimo esercita, nonché dalle circostanze in cui l’evento deve essere richiamato. Una persona può, per esempio, avere a disposizione un tempo adeguato per richiamare un’informazione o essere forzato a rispondere molto rapidamente; può essere rilassato oppure trovarsi in uno stato di apprensione o ansia, che influenzano negativamente la memoria; e ancora può trovarsi in un ambiente accogliente e distensivo oppure affollato, caotico e ricco di distrazioni. La memoria è influenzata dalla presenza di malattie (endocrine, infettive, tumori), la cui cura consente un completo recupero delle capacità di ricordare. Anche l’uso improprio di farmaci, per esempio i sonniferi, può compromettere il buon funzionamento della memoria. La depressione e l’ansia costituiscono una causa frequente, potenzialmente reversibile, di disturbo della memoria. A loro volta la depressione (“l’esaurimento nervoso” del gergo popolare) e l’ansia possono essere scatenate o favorite dalla riduzione dei rapporti sociali, dal pensionamento, dalla perdita di persone care, oppure da condizioni di malattia che limitano l’autonomia o provocano dolore. Una percentuale minoritaria di anziani (6-8% degli ultra65enni) soffre di disturbi della memoria progressivamente sempre più gravi e tali da comportare la perdita dell’autosufficienza; in queste situazioni la causa è da attribuire, nella maggioranza dei pazienti, alla Malattia di Alzheimer oppure alla demenza vascolare (in passato definita arteriosclerotica). È opportuno però sottolineare che oltre il 90% degli anziani non è demente ed ha un cervello in grado di funzionare a patto che lo tenga in allenamento. Negli anziani l’apprendimento e le capacità di memoria nel loro complesso rimangono relativamente normali. Alcuni studiosi ritengono che la memoria inizi a diminuire poiché una persona cessa di usare i metodi utilizzati in passato per ricordare meglio. L’abilità non sfruttata viene perduta. Quando una persona presenta disturbi di memoria che interferiscono con la capacità di vita indipendente o che riguardano informazioni importanti è opportuno consultare il medico curante.

E’ opportuno sottolineare che in alcuni soggetti anziani normali si può manifestare un disturbo della memoria connesso all’età che però non compromette le abituali attività quotidiane; è pertanto importante non drammatizzare. Si tratta di sintomi non patologici, come lo sono la presbiopia e la diminuzione della forza muscolare.

COME CONSERVARE LA MEMORIA Esistono metodi ed esercizi che possono aiutare a mantenere giovane la memoria oppure a compensarne le lacune. Molti usano semplici espedienti per ricordare il nome di qualcuno o altri dati; se anche l’anziano organizza le informazioni nuove che riceve, le ripete ad alta voce o le associa a qualche immagine visiva, la sua capacità di memoria migliora. L’efficacia dell’esercizio è nota fin dai tempi di Cicerone. L’esercizio può essere costituito da riassunti di letture o di programmi televisivi, mentalmente oppure ad alta voce, almeno una volta al giorno; un’alternativa è la ripetizione, che ricorda i tempi della scuola, di filastrocche, poesie o storielle. La creazione di collegamenti tra nomi, oggetti o fatti, oppure la loro trasposizione in immagini, colori o numeri richiedono l’elaborazione del contenuto di una cosa da ricordare e costituiscono un altro metodo diffusamente impiegato per facilitare il ricordo. In alternativa è utile aumentare interessi ed attività in modo da esercitare indirettamente e spontaneamente anche la memoria. Se non ci si fida della memoria, è possibile aiutarla ricorrendo ad alcuni ausili (calendari, bloc-notes o agende, elenchi di articoli da acquistare, etc.). Per coloro che hanno problemi di vista non correggibili, è possibile ricorrere a registratori sui quali incidere i messaggi e gli appuntamenti; esistono oggi apparecchi di piccole dimensioni ed economici. Un problema frequente, soprattutto fra gli anziani, è costituito dalla perdita degli oggetti: chiavi, penne, forbici, utensili. Per ovviare a questo inconveniente è importante cercare di essere organizzati assegnando a ciascun oggetto una collocazione stabile; è utile rendere più visibili i piccoli oggetti che si nascondono facilmente: un nastro rosso legato alle forbici, il cordoncino per assicurare gli occhiali al collo. Un altro consiglio importante consiste nel portare a termine le azioni cominciate per non rischiare di lasciarle in sospeso: dimenticare il gas oppure le luci accesi.

CENNI SUL QUADRO CLINICO E NOTE STORICHE Con il termine di demenza si indica una malattia del cervello che comporta la compromissione delle funzioni cognitive (quali la memoria, il ragionamento, il linguaggio, la capacità di orientarsi, di svolgere compiti motori complessi), tale da pregiudicare la possibilità di una vita autonoma. Ai sintomi che riguardano le funzioni cognitive si accompagnano quasi sempre alterazioni della personalità e del comportamento che possono essere comunque di entità piuttosto varia nel singolo paziente. Tra questi i più caratteristici sono sintomi psichici (quali ansia, depressione, ideazione delirante, allucinazioni), irritabilità o vera aggressività (più spesso solo verbale, raramente fisica), insonnia, apatia, tendenza a comportamenti ripetitivi e senza uno scopo apparente, riduzione dell’appetito e modificazioni del comportamento sessuale. Ai deficit cognitivi e ai sintomi non cognitivi, uniti alle malattie del corpo che sono frequenti, si associa una progressiva alterazione dello stato funzionale. Nelle fasi iniziali si assiste al deterioramento della funzioni relazionali più complesse nelle quali è maggiore la competenza cognitiva (sono le cosiddette funzioni strumentali, quali gestire le finanze, utilizzare i mezzi di trasporto e di comunicazione, gestire la casa ed i farmaci) e con la progressione della demenza vengono compromesse anche le attività quotidiane di base (igiene personale, abbigliamento, bagno e mobilità, continenza). Nelle fasi avanzate compaiono complicanze, quali cadute, malnutrizione, infezioni, che compromettono ulteriormente lo stato funzionale e che possono essere fatali al paziente. La demenza ha una durata variabile, generalmente comunque intorno a 10-12 anni, nel corso dei quali, in modo spesso graduale, o invece con bruschi peggioramenti alternati a lunghe fasi di stabilità, si assiste alla progressione dei sintomi.

La demenza rappresenta un problema rilevante, in particolare nella popolazione anziana la cui numerosità, rispetto alla popolazione generale, è sensibilmente aumentata nel corso degli ultimi decenni. Fino alla seconda metà di questo secolo, tuttavia, l’interesse per gli aspetti diagnostici e clinici è restato piuttosto scarso e la demenza è stata considerata sia la via finale comune di svariate condizioni, che un processo inevitabile legato alla senescenza. La maggiore disponibilità di tecniche di studio del funzionamento del sistema nervoso centrale, in vivo e in modelli sperimentali, una più chiara conoscenza dei processi neuropsicologici ed una maggiore disponibilità di strumenti di analisi psicometrica e psicologica, l’avanzamento delle tecniche e conoscenze neuropatologiche hanno portato, a partire dagli anni ’60, ad una maggiore caratterizzazione clinica delle demenze ed alla loro distinzione sia dalle psicosi in generale che dalle modificazioni delle funzioni cognitive riscontrabili con l’invecchiamento. L’introduzione di criteri clinici definiti ha rappresentato un ulteriore avanzamento nella caratterizzazione clinica della demenza, permettendo una più chiara e riproducibile differenziazione dalle altre condizioni patologiche nelle quali è possibile riscontrare un decadimento cognitivo.

Loading...

Altre Storie

La forma del naso si è adattata all’ambiente

Sapevate che la forma del nostro naso dipende anche dal clima? Il naso può essere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *