Home » Primo piano » Un parcheggiatore abusivo guadagna 3.700 euro al mese

Un parcheggiatore abusivo guadagna 3.700 euro al mese

C’è una professione che non conosce crisi. Una professione che ufficialmente non esiste e che pure occupa migliaia di addetti nel nostro paese, specialmente nel Sud Italia. Stiamo parlando dei parcheggiatori abusivi. Chi non si è imbattuto con un qualcuno di essi? Si appropriano letteralmente delle strade delle grandi città e pretendono che motociclisti e automobilisti, per posteggiare, paghino una sorta di pizzo che non è inferiore a un euro. Dell’esistenza dei parcheggiatori abusivi sanno anche i muri, peccato che il problema sembra interessare assai poco alle istituzioni competenti. Anche per i mass media l’argomento è da censurare. Se si esclude Le Iene Show, in tv non ne abbiamo mai sentito parlare.

Spesso dietro i parcheggiatori abusivi ci sono le organizzazioni criminali. Impossessarsi delle strade, per chi controlla il territorio, è un gioco da ragazzi. Se poi le istituzioni fanno finta di nulla, è la cosa più facile di questo mondo. Che possono fare motociclisti e automobilisti? Pagano e stanno zitti, per evitare ritorsioni.

Ora a Palermo è stato beccato un parcheggiatore abusivo che agiva su un’area di ben 500 metri quadrati, nel quartiere storico di Borgo Vecchio. L’uomo aveva iniziato l’attività addirittura nel 2005, quando aveva appena 22 anni. Un lavoratore precoce, si direbbe. Guadagnava più di un medico del Prono Soccorso. Secondo la Guardia di Finanza, ogni mese entravano nelle sue tasche la bellezza di 3.700 euro. Morale della fiaba: perché cercarsi un lavoro onesto, quando a essere abusivi si guadagna molto di più e non si paga un euro di imposte?

Loading...

Altre Storie

Maltempo Toscana, allerta rossa: scuole chiuse in quasi tutta la Regione [ELENCO]

Toscana nella morsa del gelo e del maltempo, con forte rischio neve. La Protezione Civile ha infatti diramato un’allerta rossa, in …

One comment

  1. lo fanno i politici non vedo perche non lo possono fare loro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *