Il vice Ministro Nencini ammette: “Italicum ideato per far fuori il M5S”

0

italicum“L’Italicum è stato concepito per mettere fuori gioco Beppe Grillo”. Lo si sa da tempo, ma ora lo conferma un eminente esponente del Governo Renzi: il vice ministro Riccardo Nencini. Altro che “cambiamo la legge elettorale per garantire la governabilità del Paese”. Centrodestra e centrosinistra, Berlusconi, Renzi e Alfano, hanno l’unico obiettivo di non far vincere il M5S, poi che il Paese rimanga nell’incertezza per tanti altri anni, chi se ne frega.

Hai voglia a suicidarsi gli italiani che non arrivano a fine mese. L’importante è che non governi il M5S. Ecco le parole di Riccardo Nencini ad Agorà, sui Rai 3, che lasciano chiaramente intendere che se il movimento di Grillo dovesse fare boom alle Europee 2014, l’Italicum sarà accantonato, per fare un’altra legge sempre ad uso e consumo proprio:

L’Italicum era stato concepito per mettere fuori gioco Grillo e per ridurre a due, centrodestra contro centrosinistra, un ragionamento che fosse all’interno di una cornice europea, con una proposta di legge che però era troppo debole per raggiungere questo obiettivo. L’Italicum nasce per mettere fuorigioco il terzo partito e impostare un bipolarismo europeo. Se Grillo diventa il secondo partito alle Europee l’Italicum cade.

Anche Celemente Mastella, di Forza Italia, conferma la versione di Nencini a Rai 3:

Il 25 maggio segnerà lo spartiacque della politica italiana, ed è ovvio che, laddove Grillo prenderà molti voti, l’Italicum è completamente fregato, cioè bisogna cambiare i meccanismi. Tutto sommato Grillo può arrivare anche al 25-30 per cento – aggiunge Mastella – però rimane una minoranza sostanziosa. Certamente, non è la maggioranza del Paese.

Foto: Dailystorm.it

SHARE