Home » Cronaca & Calamità » Vittorio Sgarbi, assessore di Urbino:”albero di Natale e tendone sono brutti, se non li tolgono mi dimetto”
sgarbi-urbino

Vittorio Sgarbi, assessore di Urbino:”albero di Natale e tendone sono brutti, se non li tolgono mi dimetto”

Può un albero di natale portare alle dimissioni di un assessore comunale? Si, se l’assessore si chiama Vittorio di Natale e se l’albero è talmente brutto – ma veramente brutto – al punto da rovinare il paesaggio cittadino.Vittorio Sgarbi, assessore alla cultura e alla rivoluzione per il comune di Urbino, non vuole rendersi colpevole insieme all’amministrazione comunale di macchiare in questo modo il paesaggio del capoluogo marchigiano e in un comunicato stampa annuncia le sue dimissioni, qualora l’albero non venga tolto.Il comunicato è apparso sulla pagina Facebook ufficiale del critico d’arte ed ex sindaco di Salemi. In esso si legge che Vittorio Sgarbi manifesta “sdegno e incomprensione” per la scelta da parte del comune di allestire un simile albero di natale a piazza della Rivoluzione, la principale piazza del comune di Urbino:
“Non si tratta di un albero, ma di una inutile bruttura immorale.”

L’albero di Piazza Rivoluzione è decisamente sui generis e si differenzia dai classici alberi di natale che compaiono in questo periodo in tutte le piazze cittadine.
Di albero di natale effettivamente a molto poco: esso ha una struttura a piramide che invece di essere composta da legno, rami e tanto verde è in metallo con delle lastre decorate da bassorilievi. Alla sua sommità c’è una stella di Natale, anche essa in metallo.Autore di questa scultura natalizia è lo scultore locale Ermes Ottaviani, la cui idea, evidentemente, ha suscitato lo sdegno del critico d’arte.Vittorio Sgarbi critica inoltre la scelta di collocare l’originale albero di natale intorno ad una scultura preesistente, la fontana di Urbino, coprendola a suo dire senza alcun diritto.“Il natale non deve essere un pretesto per abbruttire la città.” Spiega Sgarbi. “La città può essere più magica, più luminosa, più colorata, ma non deve essere più brutta.”

L’assessore sottolinea anche che l’albero di natale è stato fatto con i soldi dell’amministrazione comunale e ciò rappresenterebbe uno spreco di denaro.
Ma non è solamente l’albero di natale a suscitare le sue ire, come si legge nel comunicato su Facebook. Sgarbi se la prende perfino con il tendone circense collocato in piazza delle Erbe.
“Quel tendone è un obbrobrio, oltre ad essere inutile: le stesse attività che vengono svolte all’interno di quel tendone possono essere fatte in luoghi più belli.”

E per chi pensa che si tratti solamente di uno sfogo online che rimane fine a se stessa, la conclusione del comunicato offre una smentita.
Sgarbi fa infatti sul serio e come si legge in chiusura, qualora il tendone e l’albero non verranno rimossi immediatamente dall’amministrazione comunale, lui rassegnerà le sue dimissioni dalla carica di assessore.

La palla – di fuoco e non di Natale – dopo un ultimatum così minaccioso, passa dunque al comune di Urbino che dovrà decidersi se rimuovere le due strutture natalizie da piazza della Rivoluzione e piazza delle Erbe, tenendosi il suo assessore alla rivoluzione e alla cultura.

Loading...

Altre Storie

Incidente a Bellolampo, morti giovani coniugi su moto

L’incidente è avvenuto sulla strada che porta alla discarica di Bellolampo. Dramma a Palermo. Una giovane coppia di coniugi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *