Home » Primo piano » Voltaren pericoloso, l’Australia pronta a vietarlo

Voltaren pericoloso, l’Australia pronta a vietarlo

L’Australia sta valutando se togliere dal mercato il Voltaren. Il noto farmaco a base di diclofenac, infatti, è stato al centro di una ricerca sugli effetti collaterali di questo principio attivo svolta in Danimarca e che ha coinvolto 2,5 milioni di volontari.  Secondo i risultati dello studio, il diclofenac aumenta sensibilmente le probabilità di avere un infarto, e il rischio è molto più alto di quanto hanno sin qui detto le vecchie ricerche, specialmente tra i pazienti in salute e senza particolari patologie al sistema cardiocircolatorio. Ecco perché in Australia e Nuova Zelanda, dove il farmaco è venduto senza prescrizione del medico, si sta discutendo molto della possibilità di ritiro dal mercato.

Lo studio, della durata di otto anni, è stato condotto da un team di ricerca presso il Gentofte University Hospital (Copenhagen) e ha coinvolto due milioni e mezzo di volontari sotto trattamento con antinfiammatori non steroidei (FANS) come aspirina, ibuprofene e ketoprofene. Associando a questi farmaci il diclofenac, il rischio di infarto è aumentato dell’86% in soggetti inizialmente non esposti a questo rischio. David Henry, docente presso la University of Newcastle (Nuovo Galles del Sud, Australia), è convinto che il farmaco debba essere subito ritirato dal mercato:

Il medicinale ha ormai esaurito il suo scopo. Si tratta di un farmaco datato e ora è dimostrata la sua tossicità. Ci sono alternative più sicure. Non c’è ragione di averlo ancora sul mercato, sia sotto prescrizione che come medicinale da banco.

 

 

Loading...

Altre Storie

Tumore del pancreas: il vaccino italiano è la possibile cura

Per la lotta contro il tumore del pancreas, un approccio combinato tra nuove chemioterapie, nuovi farmaci …

One comment

  1. A me il diclofenac fa venire bolle su tutto il corpo se lo prendo per bocca oppure mi fa venire un sacco di bollicine su tutta la zona se uso i cerotti medicati. Normale che un farmaco ti aggiusta da una parte ma ti può far male dall’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *