Home » Tecnologia e Diavolerie » Passare da Facebook a WhatsApp con un semplice tocco

Passare da Facebook a WhatsApp con un semplice tocco

WhatsApp e Facebook, due aziende legate da un filo rosso: la proprietà. Presto potrebbero essere unite anche da un altro elemento: un tasto. Secondo alcune indiscrezioni apparse in rete, infatti, il social network starebbe sperimentando nell’app un sistema per consentire agli utenti di collegarsi rapidamente a WhatsApp.

Si tratterebbe di un pulsante, comparso nella versione Android di Facebook, rilasciato per un numero molto ampio di utenti. Il tasto, una volta premuto, apre direttamente l’applicazione di WhatsApp. Ciò significa che non sarà più necessario chiudere Facebook per passare a WhatsApp. Il “bottone” si trova in alto nell’aerea menu , esattamente, secondo quanto riportato da alcuni utenti, sotto il proprio nome. Come detto, il pulsante WhatsApp è stato individuato solo nella versione di Facebook per Android, ma probabilmente è solo una questione di tempo prima che l’azienda fondata da Mark Zuckerberg decida di rilasciarla anche su iOS.

Arriverà presto?

Non è un’assoluta novità per Facebook provare tasti di collegamento diretto tra le sue applicazioni. Tempo fa, infatti, alcuni utenti avevano notato la presenza di un pulsante per Instagram. Così come il social aveva già provato a sperimentare il pulsante per WhatsApp nel 2015. Alla fine, però, ai test non è seguito nessun rilascio ufficiale. Probabilmente, forse l’azienda si sente finalmente pronta ad integrare su Facebook la scorciatoia per l’app di messaggistica istantanea più popolare.

Il pulsante è disponibile quasi per tutti gli utenti che hanno l’app di Facebook sul proprio smartphone Android ed è un altro segnale che l’azienda di Mountain View sta cercando sempre più di creare un ambiente unico tra il social networkInstagram e WhatsApp.

COSÌ LA CIA CI SPIA

La conferma di tutto questo arriva da WikiLeaks che lo scorso marzo ha rilasciato in rete una corposa documentazione chiamata Vault 7 contenente un archivio segreto di documenti riservati in cui sono descritte le tecniche di intrusione  e gli exploit usati dall’intelligence americana per penetrare i vari sistemi informatici. Questo corposo archivio contiene oltre 8.761 documenti, pari a 16.000 pagine, e 943 allegati. Una montagna di informazioni che vanno dalle intercettazioni nelle abitazioni tramite televisori hackerati, al sabotaggio tecnologico di automobili e aerei, senza tralasciare lo spionaggio di smartphone e computer.

Attraverso Vault 7 si scopre che la CIA possiede tutti gli strumenti per raggirare la cifratura delle conversazioni di tutti i messenger più diffusi (Signal, Telegram, WhatsApp…) e ascoltare le conversazioni che vengono svolte davanti alle TV dotate di microfono.

FALLE NASCOSTE

Per portare a termine i loro attacchi informatici, i servizi di intelligence sfruttano gli exploit “zero-day”, ovvero exploit relativi a falle che non sono ancora state rese pubbliche: i servizi di intelligence studiano i principali software (ma anche firmware e driver) in circolazione alla ricerca di punti deboli che possono essere sfruttati per impossessarsi di dati personali di possibili terroristi. Quando trovano una vulnerabilità, a differenza degli esperti di sicurezza, non lo comunicano pubblicamente: in questo modo il produttore non verrà a sapere del bug nel suo prodotto e dunque non potrà correggerlo.

CRITTOGRAFIA AGGIRATA

Attraverso i documenti rivelati dall’organizzazione di Julian Assange si scopre che la CIA è interessata in particolar modo alla messaggistica istantanea poiché viene usata per trasmettere una mole enorme di informazioni. Terroristi, ladri e altri criminali si organizzano e comunicano tra loro proprio usando smartphone e app di messaggistica criptate. Molte di queste, tra cui anche WhatsApp, impiegano un sistema di crittografica end-to-end che garantisce l’invio crittografato dei messaggi, così chi dovesse riuscire ad intercettarli non sarebbe comunque in grado di leggerli. Sebbene questo sia vero, la CIA ha capito che per leggere i messaggi serviva un metodo diverso: raggirare la crittografia andando a leggere direttamente i contenuti sul dispositivo della vittima. In altre parole, la crittografia protegge i messaggi dallo smartphone del mittente a quello del destinatario, ma sui due dispositivi i messaggi appaio in chiaro, perfettamente leggibili sullo schermo.

Se si riesce a prendere il controllo del dispositivo di una persona, allora sarà possibile leggerne i messaggi e qualsiasi altra informazione venga visualizzata sul suo schermo, sia esso uno smartphone che un PC.

SIAMO TUTTI A RISCHIO

La CIA non ha confermato l’autenticità dei documenti, e anzi è partita all’attacco di WikiLeaks accusandola di voler mettere in pericolo con le sue rivelazioni la sicurezza nazionale. L’operazione Vault 7, però, non ha diffuso gli strumenti di attacco usati dagli agenti segreti americani,  ma solo i documenti correlati contenenti centinaia di milioni di righe di codice. Inoltre il gruppo di Julian Assange ha promesso di fornire assistenza e provvedere a fornire ai vari produttori utili informazioni tecniche sui punti deboli dei software e delle periferiche hardware affinché i dispositivi possano essere aggiornati e messi in sicurezza. Anche per questo motivo i redattori di WikiLeaks hanno reso illeggibili interi paragrafi dei documenti riservati ritenuti particolarmente pericolosi. Di fatto comunque, queste rivelazioni dimostrano come chiunque di noi sia a rischio intercettazioni.

LA SPIA POTREBBE ESSERE CHIUNQUE

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Come svelato da Vault 7, per aggirare i sistemi di crittografia presenti sulle app di messaggi-stica basta poter accedere al dispositivo della vittima, cosa che anche uno smanettone potrebbe fare usando strumenti reperibili facilmente ovunque. Sfruttando un’applicazione antifurto come Cerberus, ad esempio, un malintenzionato può catturare da remoto le schermate delle conversazioni fatte sull’app di mes-saggistica di Facebook e farsele inviare via email senza che la vittima si accorga di nulla. Cerberus è un’app sviluppata per mettere al sicuro un dispositivo mobile da eventuali furti (quindi perfettamente legale), ma che può essere anche usata con l’inganno per  altri scopi. Tutto quello che deve fare il malintenzionato è riuscire a mettere le mani per qualche minuto sul telefonino della persona che vuole spiare per poter installare e configurare Cerberus. Dopo averlo fatto, l’applicazione sarà attiva in background e la vittima non si accorgerà della sua presenza. Proprio per mostrare come sia semplice spiare i messaggi di WhatsApp attraverso Cerberus, abbiamo testato il tutto nei nostri laboratori servendoci di uno smartphone Android Nexus 5X. Il nostro unico scopo è quello di mostrare la pericolosità di certi strumenti e di come sia fondamentale non lasciare che altri possano mettere le mani sul nostro telefonino o sul nostro computer senza la nostra esplicita autorizzazione.

Loading...

Altre Storie

Passa a Tim, tante vantaggiose offerte sotto l’albero: scoprile tutte

Con L’arrivo del mese di dicembre sono aumentate le offerte dei vari operatori telefonici soprattutto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *