Home » Economia & Caste » Le 10 domande che ai signori delle banche e ai politici asserviti non vengono mai fatte

Le 10 domande che ai signori delle banche e ai politici asserviti non vengono mai fatte

C’era un tempo in cui i banchieri erano persone discrete. Preferivano fare affari di nascosto, farsi vedere il meno possibile nel piccolo schermo e comunicavano in codice soprattutto tramite i giornali da loro posseduti. Oggi, invece, i signori delle banche dilagano su tutti i comodi salottini tv. Pretendono di spiegarci la crisi. Pretendono – supportati dalla stragrande maggioranza dei politici – di avere le ricette per diffondere il benessere. I conduttori dei talk show non fanno vere domande e così i signori delle banche possono fare la loro belle figura. Se così non fosse, i banchieri e i politici asserviti, su quei salottini, preferirebbero non sedersi.

Visto che a fare le domande non ci pensano quelli che ne avrebbero la possibilità, lo facciamo noi. Ecco cosa ci piacerebbe sapere:

1) I banchieri – almeno a parole – sono a favore del libero mercato. Come mai, dunque, chiedono di continuo aiuti economici e finanziari agli Stati?

2) Perché i tassi d’interesse sui depositi sono vicini allo zero, mentre se si chiede un prestito i tassi d’interesse non sono inferiori al 7%?

3) Perché a battere moneta deve essere la Bce, che è un ente privato, e non un ente pubblico?

4) Dite che un paese che non è nell’area Euro si condanna alla catastrofe. Il Regno Unito, tanto per fare un esempio, non usa l’euro, eppure è messo molto meglio di tanti Stati che adottano la moneta unica, come Spagna, Grecia, Portogallo e Italia. Volete negare l’evidenza?

5) Come mai anche se gli utili di una banca diminuiscono, o non ci sono, gli stipendi dei manager aumentano esponenzialmente? Non vi sembra paradossale?

6) Realmente, voi politici e banchieri, credete che l’attività di chi fa pura speculazione sia più importante di quella di un operaio o un agricoltore o un medico?

7) Perché l’Italia non è fallita quando il rendimento dei btp era a due cifre, mentre dovrebbe fallire ora che i tassi sono intorno al 7%?

8 ) Avete notato, anche solo per caso, che da quando esiste la moneta unica molti Stati, come la Grecia, la Spagna, l’Italia, il Portogallo e l’Irlanda si stanno impoverendo e non si vede via d’uscita per la loro crisi? Questo non significa certo che tutte le colpe sono dell’euro, però dimostra anche che la moneta unica non è la fonte di salvezza che avevate descritto e che ancora oggi propagandate, tanto nessun conduttore tv vi smentirà mai…

9) Come mai le banche che evadono il fisco vengono premiate con degli sconti mostruosi, mentre se un normale cittadino non riesce a pagare le imposte subisce il pignoramento dei beni?

10) Ma se le banche hanno sempre bisogno di soldi da parte degli Stati, non è più logico che siano gli Stati stessi a comprarsi le banche, oppure a crearne di nuove? Mi spiego: dite che se gli Stati non aiutano le banche, poi i cittadini perdono i loro risparmi. Preso atto che le banche private sono totalmente incapaci di gestire il denaro, perché questo compito non lo assume lo Stato, in modo da tutelare i cittadini? Se alla fine i soldi deve tirarli fuori sempre lo Stato, ovvero i cittadini, tanto vale che le banche siano nazionalizzate.

Loading...

Altre Storie

Cina shock: primo trapianto di testa su un cadavere, è russo il primo volontario vivente

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero ad effettuare quest’intervento senza precedenti. Il dottor Canavero metterà …

5 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *