Home » Primo piano » Casa, legni, mosaici: una Roma come Pompei

Casa, legni, mosaici: una Roma come Pompei

Immagine: lavori di realizzazione della stazione San Giovanni della metro C nel 2015. Un momento di vita quotidiana risalente al III secolo d.C si è cristallizzato per sempre durante un terribile incendio divampato in un edificio, per riemergere, a maggio scorso, tra i cantieri di scavo per la realizzazione della linea C della metropolitana e farsi ammirare oggi, ma solo per pochi e per qualche ora – su invito della Soprintendenza Speciale di Roma Archeologia Belle arti e Paesaggio – in tutta la sua misteriosa bellezza.

Importante scoperta a Roma dove, a seguito degli scavi per la realizzazione della metro C, è emersa una “mini Pompei” con due ambienti della media età imperiale che, a causa di un incendio, contengono conservate solo alcune parti del solaio ligneo e del mobilio. “La scoperta del solaio ligneo carbonizzato rappresenta un unicum per la città“, spiega la Sovrintendenza.

“Quello che avvicina questo ritrovamento a Pompei“, ha dichiarato il soprintendente, Francesco Prosperetti, “è che abbiamo testimonianza di un momento della storia”.

L’area dello scavo, diretto dall’archeologa Simona Morretta ed eseguito dalla Cooperativa Archeologia, è ancora in corso; interessa la parte sud del Celio, il colle sul quale, in età imperiale, nacquero lussuose ville aristocratiche e una serie di edifici militari.

La presenza del cane, i cui resti si possono osservare all’interno dello scavo, prova che l’incendio – forse scatenato da un evento sismico – sia stato improvviso e che l’edificio non sia stato volutamente abbattuto. A tal riguardo si aspetta la verifica da parte dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Loading...

Altre Storie

BankItalia, Gentiloni premier delle larghe intese? Solo se conferma Visco

Bruxelles: «I rapporti tra Pd e governo sono ottimi». Risponde subito Matteo Renzi, il leader …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *