Home » Primo piano » Ebola è sessualmente trasmissibile, primo caso riscontrato su una donna liberiana

Ebola è sessualmente trasmissibile, primo caso riscontrato su una donna liberiana

Preoccupante caso di una donna che ha contratto il virus dell’ebola a seguito di un rapporto sessuale con un sopravvissuto del virus che non mostrava più segnali

Una donna di origine liberiana ha contratta il virus dell’ebola nel mese di marzo, dopo aver avuto un rapporto sessuale con un uomo che era sopravvissuto alla malattia virale, comunica una preoccupante relazione dei ricercatori.

Usando gli studi sui genomi virali delle persone infette e di quelle che sono venuti a contatto con tutte le altre possibili fonti del virus, i ricercatori concludono che la malattia della donna rappresenta il primo caso noto di ebola trasmessa tramite rapporto sessuale.

Fino adesso era chiaro che il virus si trasmetteva attraverso il contatto diretto con il sangue o altri fluidi corporei.

Ma in questo caso, le due persone avevano rapporti sessuali non protetti sei mesi dopo che l’uomo si era liberato dell’incubo dell’ebola, e 155 giorni dopo il suo secondo esame del sangue in cui non era più presente alcuna traccia del virus. I ricercatori hanno pubblicato i risultati del loro studio sul New England Journal of Medicine. Da questi apprende in pratica che il genoma del virus di ebola prelevato dallo sperma dell’uomo e il sangue della donna non erano solo praticamente identici, ma anche diversi da tutti gli altri casi occidentali di virus di ebola africani che erano stati sequenziati.

Da qui si deduce la preoccupante analisi che il materiale genetico del virus dell’ebola può sopravvivere nello sperma anche nove mesi dopo l’infezione.

Entrambi questi dati suggeriscono che Ebola rimane in alcune parti del corpo più a lungo che nel sangue. Tuttavia Armand Sprecher, facente parte di Medici Senza Frontiere a Bruxelles, rileva che più di 17.000 persone sono sopravvissute allo scoppio occidentale Ebola. “Se la trasmissione sessuale da sopravvissuti fosse stato un importante mezzo di propagazione della malattia, avremmo visto un certo numero di casi, ormai‘.

Parole queste che rassicurano un po’ tutti, ma occorre adesso capire quali siano i casi potenzialmente dannosi.

Loading...

Altre Storie

Porchetta di Ariccia contaminata dal batterio Listeria, ritirato un lotto

Ritirato un lotto di porchetta di Ariccia, contaminato dal batterio Listeria moncytogenes. Il prodotto è a marchio Fa.Lu.Cioli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *