Google Glass 2.0, ritornano con WiFi da 5 Ghz, schermo più ampio e luce per la telecamera

Google Glass fanno ritorno con molte novità: la nuova versione 2.0 sarà dotata di un schermo più ampio, un WiFi da 5 Ghz e luce per la telecamera

Google Glass, quell’incognita lanciata da Google nel 2014, che non ha mai attecchito sul mercato, ritorna in una nuova versione, la ‘Enterprise Edition‘ e questa volta l’azienda di Mountain View spera che possano avere presa sui desideri dei consumatori e non solo.
E’ stata appena rilasciata una foto di una nuova versione dei Google Glass, l’immagine è apparsa primariamente sul sito della Federal Communications Commission (FCC) lunedì. Il nuovo modello è ovviamente dotato di nuove funzionalità, come le stanghette pieghevoli, un vetro più grande (che funge da schermo) e un nuovo ingresso per la ricarica. Nella presentazione è stato incluso anche un manuale con istruzioni per l’uso, a dire il vero non troppo diverso da quello dei primi Google Glass.
Già nel mese di gennaio del 2015 Google ha annunciato che nuovi Google Glass venivano testati dal laboratorio segreto del gigante tecnologico, ma a parte quello ,le uniche indiscrezioni trapelate riguardavano rapporti secondo i quali gli occhiali super-tecnologici venivano progettati per un uso aziendale.
Google infatti non ha risposto immediatamente alle richieste di commento, e non è ancora chiaro se il modello che è apparso sul sito della FCC sia un prodotto di consumo generico o specifico per determinate imprese e mestieri specifici.

google glass 2.0

I Google Glass raffigurati nei documenti depositati dalla FCC presentano cerniere su entrambi i lati, che indica che possono essere piegati e riposti in una semplice tasca di camicia o di giacca, proprio come un paio di normali occhiali da vista. Sono anche dotati una luce che si accende quando la telecamera viene attivata e il pulsante di accensione si trova adesso sul retro del dispositivo.
Questi piccoli ritocchi potrebbero rendere i nuovi Google Glass Enterprise Edition un prodotto più appetibile, riscattando il flop della precedente versione, l’Explorer Edition. Ma cosa possano fare nello specifico questi nuovi occhiali rispetto ai precedenti per ora resta solo pura e semplice speculazione, il fronte hardware non è stato minimamente accennato, nemmeno sul prezzo esistono fonti accurate.
Sul The Wall Street Journal sono apparsi però maggiori dettagli, che riguardano la presenza di un processore Intel Atom, una maggiore durata della batteria (che va a colmare il gap della precedente versione), realizzata tramite l’inclusione nel pacchetto di batterie esterne che si attaccano magneticamente al modello, garantendone una vita più lunga. Un altro miglioramento – immancabile secondo noi – riguarda la connettività wireless, con l’inclusione di una banda WiFi da 5 GHz per lo streaming dei video. Saranno inoltre più piccoli e quindi un po’ più discreti.
Tony Fadell, supervisore capo del progetto ‘Project Aura‘ aveva inizialmente fatto sapere che il nuovo modello sarebbe stato maggiormente focalizzato per il lavoro piuttosto per lo svago: in particolare per gli operatori del primo soccorso e per i medici. Se Google realizza un prodotto realmente utile per  il settore sanitario allora potrà ricevere molte richieste sia da aziende private che dagli stati che vorranno dotare i propri ospedali e cliniche dell’Enterprise Edition.
Tony Fadell ha spiegato però che ciò non significa comunque che non vedremo mai una versione di Google Glass adattata ad un pubblico più ampio, poiché sono già state previste diverse edizioni, ciascuna dotata di adeguate caratteristiche. Ma ne sapremo di più non appena Google si deciderà a rilasciare maggiori e più dettagliate informazioni.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*