Home » Economia & Caste » L’euro sta dando lavoro (solo) ai tedeschi

L’euro sta dando lavoro (solo) ai tedeschi

thL’avvento della moneta unica in Europa è strettamente correlato all’aumento della disoccupazione. L’unica eccezione (pura coincidenza?) è rappresentata dalla Germania. L’Istituto Vilfredo Pareto ha effettuato una comparazione misurando il tasso di disoccupazione dei paesi dell’area Euro, dei paesi della Ue e quelli europei extra Ue dal 2002 al 2013, calcolando l’incremento in termini percentuali sull’intero periodo e durante la crisi dal 2008 al 2013. Il dato eclatante, come afferma ad “Italia Oggi” il direttore dell’Istituto Bruno Poggi,

“è che nei paesi dell’Euro la disoccupazione aumenta di più che negli altri paesi europei. E in quella della Ue aumenta di più che in quelli extra Ue. Un fenomeno che prescinde dall’ampiezza del debito pubblico dei singoli paesi e che riguarda tutti, ad eccezione della Germania che vede ridursi il numero dei disoccupati”.

Il nostro paese è passato da un tasso dell’8,6 del 2002 all’11,2 del 2013 (facendo registrare un incremento percentuale del 119,1%). Nell’area dell’Euro la disoccupazione è cresciuta a dismisura.

In Portogallo dal 4,2 al 17,5, in Irlanda dal 4,2 al 14,1, in Spagna dal 10,7 al 26,7, in Grecia dal 10,9 al 27,2, in Francia dall’8,4 all’11. Solo la Germania presenta un dato in controtendenza passando dall’8 del 2002 al 5,4 del 2013.

L’Istituto Vilfredo Pareto ha comparato anche i dati relativi al rapporto deficit/pil. Questo dato ha fatto registrare un aumento per tutti i paesi Ue, ancora maggiore per i paesi che hanno adottato l’euro. L’Italia è, tra i grandi paesi, la realtà che ha registrato i miglioramenti più tangibili ed efficaci. Ma tutto ciò non basta. La Germania vuole praticare ancora la politica economica basata sul rigore. Ma intanto molti paesi sforano i parametri di Maastricht. E non potrebbe essere altrimenti. Anche perchè, come sottolinea Italia Oggi, se oggi i parametri fossero applicati alla lettera l’Unione europea sarebbe composta da Finlandia, Danimarca, Svezia, Lussemburgo, Estonia e Bulgaria.

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata da batterio killer Pseudomonas aeruginosa: i lotti interessati

Dopo l’ultimo episodio che ha terrorizzato parecchie persone sulla vicenda del batterio killer Pseudomonas aeruginosa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *