Home » Tecnologia e Diavolerie » Nuova legge europea 2016 su consumi ed emissioni delle auto
autoelettrica

Nuova legge europea 2016 su consumi ed emissioni delle auto

Normative su consumi ed emissioni auto: quali veicoli rischiano

Dinnanzi alla bufera scatenatasi dal caso Wolkswagen, adesso la domanda che molti proprietari di auto stanno ponendosi verte circa l’affidabilità e la ‘legalità’ del proprio veicolo.

Infatti, benché la truffa messa in atto dalla casa tedesca riguardi esclusivamente i vertici e i capitali dell’azienda, i proprietari di Wolkswagen rischiano di dover fronteggiare le disposizioni che la commissione europea avrà stabilito.

La commissione d’inchiesta potrebbe imporre alla casa automobilistica un adeguamento dei veicoli già venduti sul mercato, azione che porterebbe una riduzione delle prestazioni dei motori per farli rientrare all’interno delle normative europee sull’inquinamento atmosferico.

Detto ciò, e rileggendo il problema in chiave più ampia, vi è la possibilità che altre aziende automobilistiche abbiano adottato escamotage sulle emissioni, per garantire ai consumatori veicoli ad alte prestazioni mantenendo bassi i consumi? E’ possibile riuscire ad ottenere una via di mezzo che risulti soddisfacente?

Esistono attualmente diverse tecnologie in grado di rientrare pienamente all’interno dei limiti imposti dalle rigorose normative europee, una di queste è la tecnologia SkyActiv, improntata sul rightsizing applicato ai propulsori. Come quella utilizzata sul nuovo concept Mazda Koeru, che è stata mostrata in questi giorni al Salone di di Francoforte.

Tramite la tecnologia Skyactiv i motori con un’alta cilindrata possono ottenere prestazioni in termini di consumo e di emissioni di co2 migliori rispetto anche a motori di cilindrata inferiore. Infatti uno dei concetti comuni soprattutto in Italia è che le auto ad alta cilindrata abbiano costi di gestione più onerosi rispetto ad una di bassa cilindrata, anche per quanto riguarda il bollo annuale e il costo dell’assicurazione. Ma in realtà la questione è più complicata e tecnica.

La differenza consiste innanzitutto, a detta degli esperti, sulle componenti ed i materiali utilizzati per creare i motori di nuova generazione.

L’impiego di acciai ultraresistenti, motori interamente in alluminio, sono alcuni degli espedienti per mantenere leggeri, resistenti ed altamente efficienti anche i motori diesel ad alta cilindrata e garantire prestazioni in linea con le esigenze dei consumatori.

Componentistica, inclusi i pezzi di ricambio, e progettazione la fanno da padrone se si desidera rientrare all’interno dei parametri fissati per i massimali di inquinamento ambientale. Occorre infatti sottolineare che le automobili producono attualmente il 15% dell’inquinamento atmosferico globale. Non è roba da poco!

La autopezzistore.it ha prontamente adottato tale scelta tecnologica e mette a disposizione i pezzi di ricambio di nuova generazione necessari per il rispetto delle normative europee 2016.

Non è un caso infatti che il Salone di Francoforte sia improntato sull’ecosostenibilità delle automobili, un argomento fondamentale quando si parla ormai di futuro e progettazione tecnologica. Il pianeta stesso ce lo chiede, ma non bisogna tralasciare la vivibilità dei grandi centri urbani, oggi più che mai infetti dalla piaga dello smog, che ogni anno miete centinaia di migliaia di vittime.

Basti guardare al nuovo rapporto stilato dagli esperti del Ministero della Salute britannico, secondo i quali, a causa dei dati contraffatti dalla Wolkswagen sulle emissioni di co2, nella sola Gran Bretagna sono stati registrati 12,000 decessi. Un dato davvero allarmante, cui bisogna porre rimedio, tramite maggiori controlli e maggiore trasparenza da parte dei massimi produttori di auto.

Loading...

Altre Storie

WhatsApp, ultima truffa cellulare bloccato, la Polizia lancia l’allarme

Moltissimi utenti di smartphone hanno divulgato una nuova truffa attualmente presente sui propri telefonini. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *