Home » Varie & Avariate » Dopo il parto donna rifiuta il taglio del cordone ombelicale, i medici chiamano la Procura

Dopo il parto donna rifiuta il taglio del cordone ombelicale, i medici chiamano la Procura

I fatti in un ospedale di Udine. La donna, per motivi religiosi, era convinta che il distacco doveva avvenire naturalmente; ma il neonato cominciava a mostrare segni di sofferenza. Il pm: “Triste segno dei tempi che dimostra a che punto è arrivata la medicina preventiva”.

I medici di un ospedale di Udine si sono visti costretti a chiamare le forze dell’ordine per obbligare una neo mamma a permettergli di tagliare il cordone ombelicale del figlio. La donna era convinta che si sarebbe staccato da solo ed ha impedito ai medici di avvicinarsi al suo bambino costringendoli a prendere provvedimenti: i medici hanno notato che il piccolo stata presentando i primi sintomi di sofferenza fetale e consci del pericolo non hanno avuto altra scelta che ricorrere all’intervento della Procura della città friulana.

A raccontare la notizia è lo stesso procuratore di Udine Antonio De Nicolò, il quale con una nota di biasimo afferma che questo è un: “Segno triste dei tempi, che dimostra a che punto è arrivata la medicina preventiva”. Quindi giustifica l’azione repentina dei medici dicendo che: “La missione dei medici è salvare vite. Se esiste un pericolo di vita, il trattamento va fatto. I medici devono essere liberi e sereni nello svolgere il loro lavoro”. Sul caso non è stata messa la parola fine, il procuratore non esclude che la donna possa ricorrere in una denuncia ai suoi danni e contro i medici che hanno preso la decisione.

Sull’ipotesi del ricorso al tribunale, però, De Nicolò è piuttosto sereno: “Evitarle è impossibile. Qualora arrivasse, chiaramente archivieremo. Se al contrario il neonato fosse morto in assenza di intervento, in quel caso sì che avremmo aperto un fascicolo d’indagine”.

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Insonnia da dipendenza tecnologica: ne soffrono sempre più gli adolescenti

Uno studio condotto dal professore Claudio Mencacci direttore del Dipartimento Neuroscienze e salute mentale dell’ASST …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *