Prelievo forzoso dai conti correnti: ora è legge

Il prelievo forzoso dai conti correnti è legge: hanno votato contro solo Movimento 5 Stelle e Lega Nord. Così l’Italia recepisce una direttiva del Consiglio Europeo, il cosiddetto bail-in che entrerà in vigore a partire da gennaio 2016. Si tratta di una vera e propria rivoluzione che riguarderà tutte le banche italiane e quelle europee. Prima di scegliere l’istituto a cui dare i vostri soldi, dunque, occorre assicurarsi del suo stato di salute, poiché in caso di crisi come quella del 2008, potrebbero essere prelevati i vostri soldi dal conto corrente.

Bail-In: come funziona

Il bail-in non è altro che un prelievo forzoso sui conti correnti dei risparmiatori: in caso di crisi, una banca non sarà più aiutata dallo Stato, bensì preleverà i soldi necessari per superare il periodo difficile dai correntisti che abbiano una cifra superiore ai 100mila euro. Il prelievo forzoso potrà essere applicato anche ad altre forme di investimento tramite la propria banca. Dal prelievo forzoso sono esclusi, ovviamente, i correntisti che dispongono di meno di 100 mila euro e coloro i quali hanno investito in depositi e titoli garantiti.

Risparmi al sicuro dal prelievo forzoso

Cosa fare dunque per evitare che la banca prelievo forzatamente i nostri risparmi? Semplice, spostarli sui depositi e i titoli garantiti, oppure investirli in immobili e oro fisico. Alla fine, la cara vecchia “mattonella” tornerà nuovamente di moda?

loading...
loading...

3 Comments

  1. sopra i 100k? …e chi ci arriva? Io potrei arrivare sotto i 100k col mio conto, senza nemmeno impegnarmi troppo

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*