Home » Economia & Caste » Prestiti: la parola d’ordine è piccoli e veloci
Prestiti soldi

Prestiti: la parola d’ordine è piccoli e veloci

Si rafforza la domanda di prestiti che, nel corso dell’ultimo trimestre, ha fatto registrare una interessante inversione di tendenza rispetto agli ultimi 12 mesi. Complice anche il basso livello dei tassi di interesse i finanziamenti hanno fatto registrare valori in crescita sia per quel che riguarda i prestiti finalizzati che quelli richiesti per liquidità.

Un dato interessante, però, arriva dalle preferenze degli italiani: i prestiti che vanno per la maggiore sono quelli piccoli e veloci, ossia i finanziamenti con capitale ridotto (solitamente entro i 5 – 6 mila euro) che vengono erogati in tempi estremamente rapidi.

Ma come funzionano esattamente i piccoli prestiti veloci e perchè sono così richiesti dai cittadini? Per prima cosa dobbiamo analizzare l’ambito in cui la società si sta muovendo. Oggi le nostre necessità sono molto differenti da quelle di qualche anno fa. La società è più dinamica e i tempi, anche per quel che riguarda l’erogazione dei prestiti, devono sempre essere più contenuti.

Oggi molte banche o finanziarie riescono ad erogare un finanziamento anche in sole 24 o 48 ore. Questo, ovviamente, fa si che un privato possa chiedere un piccolo prestito anche solo per poter far fronte ad una spesa improvvisa e non calcolata come potrebbe essere il pagamento di una multa, di un accertamento, o una spesa medica che non si era potuto preventivare.

Istituti di credito che erogano piccoli prestiti veloci

Non tutte le banche sono in grado di erogare un prestito in breve tempo. Alcune, infatti, hanno delle tempistiche lunghe a causa di un macchinoso processo interno di verifica o, ancora, per i troppi passaggi burocratici.

Tra i principali istituti di credito che erogano piccoli prestiti veloci possiamo segnalare Unicredit che con il suo CreditExpress Mini permette di ottenere un piccolo finanziamento di massimo 3 mila euro rimborsabile in rate mensili per un periodo che va dai 18 ai 36 mesi.

Questo prodotto proposto dal secondo gruppo bancario italiano per dimensioni ha anche la particolarità di richiedere tempistiche molto brevi per l’erogazione e l’importo della rata è arrotondato in modo da essere più facile da ricordare. CreditExpress Mini può essere richiesto in tutte le filiali del gruppo distribuite sul territorio italiano.

Da segnalare anche questa interessante guida che propone consigli, suggerimenti e una selezione di piccoli prestiti veloci Prestitisbp.com/piccoli-prestiti/.

Piccoli prestiti: quali documenti occorrono

In linea di massima anche per quanto riguarda un piccolo finanziamento sono necessari i normali documenti che occorrono per qualsiasi altro finanziamento. Questo, ovviamente, si rende necessario perchè la banca deve verificare la solidità reddituale del richiedente così da limitare l’erogazione di finanziamenti a rischio.

Ricapitolando, quindi, i documenti necessari per ottenere un piccolo finanziamento sono il documento d’identità, il codice fiscale o la tessera sanitaria, la busta paga o il cedolino della pensione. Qualora si fosse un libero professionista sarà necessario presentare, alla banca, il cud e un estratto conto bancario.

Per velocizzare i tempi è sempre buona regola cercare di presentarsi presso l’istituto di credito con tutti i documenti necessari. Solo così si potrà ottenere un piccolo prestito in tempi davvero veloci e, comunque, non superiori alle 48 ore.

Loading...

Altre Storie

Legge 104, novità per familiari che assistono anziani e disabili

Sono in arrivo tante novità e benefici per chi vorrà avere accesso alla legge 104 …

2 comments

  1. Per me il prestito tra individuo non è mai esistita. Ma a forza di sentir parlare di

    alcuni istituti di credito che sembravano serio su forum e blog la mia scelta Charles

    guidato Bietho molti dei quali parlare e dopo aver contattato io sono fuori a testa

    alta perché mi ha dato nessuna preoccupazione dei fondi ho richiesto. io
    vi consiglia di fare la scelta giusta per non cadere in rete sbagliata. grazie per tutti coloro che si testimonianza; è un riferimento. si può senza paura contatto sulla sua
    e-mail: bietho.charles@yahoo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *