Home » Cronaca & Calamità » Tanti soldi (dall’UE) per chi si sposa entro il 2015

Tanti soldi (dall’UE) per chi si sposa entro il 2015

sposi-matrimonio-torta-fotoVi amate tanto e volete sposarvi ma non avete soldi? Siete stufi di sentirvi dire “bamboccioni”? Nessun problema. Una volta tanto, l’Unione Europea è dalla vostra parte. Sì, perché la Comunità Economica ha appena approvato un Piano di sostegno alle famiglie di nuova formazione. Le coppie che decideranno di sposarsi entro l’anno 2015, riceveranno un finanziamento a fondo perduto di ben 25mila euro. Insomma, nessun prestito: lo sposo e la sposa riceveranno il denaro senza dover restituire niente. Nessun debito da saldare, nessun mutuo trentennale sul groppone.

L’Unione Europa, con questa bella iniziativa, spera di fare aumentare il numero dei matrimoni, che negli ultimi anni sono crollati. Tra il 2011 e il 2013 i dati Istat dicono -38%. A causa del crollo dei matrimoni, anche l’economia è andata giù. Pensate a quanti soldi si spendono in ristorante, fotografo, bomboniere, cantanti, parrucchieri, estetisti, fiori, negozi d’abiti, eccetera. Con questa politica a favore della famiglia l’Ue spera in una crescita del Pil di almeno l’1% nel 2015. I fidanzati italiani sono già entusiasti. Se prima non avevano alcuna intenzione di sposarsi, ora, anche su Facebook, gli annunci di matrimonio fioccano. D’altronde, 25mila euro sono una bella cifra per costruirsi una famiglia.Per ottenerli, basterà rivolgersi all’Ufficio Ue del vostro Comune e portare la documentazione necessaria ad attestare l’imminente matrimonio.

Finalmente il vostro sogno d’amore può realizzarsi, vero? Peccato solo che sia tutta una bufala pazzesca che da giorni circola sul web, con centinaia di migliaia di condivisioni. Ci avevi creduto anche tu? Pazienza.

Loading...

Altre Storie

Cina shock: primo trapianto di testa su un cadavere, è russo il primo volontario vivente

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero ad effettuare quest’intervento senza precedenti. Il dottor Canavero metterà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *