Troppo tempo su Facebook e il figlio muore annegato

0

Il figlio muore annegato in uno stagno, madre non se ne rende conto, perché stava controllando Facebook sullo smartphone

La madre del figlio di due anni è stata condannata a cinque anni per aver lasciato che il bimbo morisse annegato in uno stagno mentre lei era impegnata a controllare Facebook sul suo telefono.

Joshua Barnett è morto il 17 marzo dello scorso anno dopo essere caduto in uno stagno mentre giocava nel giardino della sua abitazione di Beverley, nell’East Yorkshire.

Claire Barnett è stata definita dal giudice un “cattivo genitore”, che rappresenta un pericolo per ogni bambino nel corso dell’udienza tenutasi allo Hull Crown Court.

Claire Barnett, 31 anni, stava guardando il suo telefono e non si è accorta in tempo che il figlio era caduto nello stagno, quando è intervenuta e ha chiamato aiuto era ormai troppo tardi per il piccolo Joshua.

La corte ha anche fatto presente che la madre lasciava liberamente giocare Joshua in mezzo alla strada, e i vicini hanno contattato i servizi sociali, dopo che il figlio ha rischiato di essere investito da un automobile.

Il giudice Jeremy Richardson ha detto: “Tuo figlio è morto a causa della tua condotta negligente. Dovrai convivere con questo per il resto della tua vita. Per un genitore comportarsi come hai fatto tu più volte, è pari a essere costantemente un cattivo genitore”.

“Spero che non ti sarà mai permesso di avere ulteriori contatti con dei bambini senza supervisione. Se dovessi avere ulteriori figli, essi saranno quasi certamente allontanati da te”.

Loading...
SHARE