Home » Primo piano » Vanessa: “Con Greta torneremo in Siria, fango su di noi”

Vanessa: “Con Greta torneremo in Siria, fango su di noi”

Vanessa Marzullo e Greta Ravelli torneranno presto in Siria. Dopo due mesi di silenzio, è tornata a parlare una delle due volontarie italiane rapite dal Fronte al Nusra e liberate lo scorso 15 gennaio in seguito, pare, al pagamento di un riscatto da parte delle autorità italiane. Intervistata oggi dal quotidiano ‘La Repubblica’, Vanessa conferma la propria volontà e quella dell’amica, di tornare presto in Siria: “Gli insulti passano. Il fango e le cattiverie me le sono tolte di dosso. Ho ripreso gli studi. Io e Vanessa Ramelli torneremo ad aiutare il popolo siriano”.

Dopo settimane e settimane di polemiche sui giornali per il loro ruolo in Siria, per il riscatto ed altri dettagli relativi alla loro vicenda, Vanessa ripropone la sua versione dei fatti:

Siamo andate in Siria da volontarie con il progetto per il quale abbiamo lavorato per quasi tre anni: “Assistenza sanitaria Siria”. E’ dal 2012 che aiutiamo il popolo siriano massacrato da una dittatura tremenda – racconta – di fronte alla quale il mondo ha fatto e fa ancora niente.

Qualcuno ha avanzato ipotesi ardite in merito alle mansioni di Greta e Vanessa in Siria, ma la secondo nega ogni “sano addebito”

A chi ci ha detto che dovevamo partire con l’Onu, rispondo: ma di cosa stiamo parlando? Sono giovane non ho niente da insegnare a nessuno. Ma mica vai con l’Onu a portare punti. Non funziona così. Sia io sia Greta siamo iscritte alla Croce Rossa, sulla Siria diffondiamo notizie tramite blog, abbiamo portato avanti iniziative in Italia, a Bergamo, Milano, Varese. Poi con questo progetto abbiamo iniziato a portare gli aiuti direttamente là.

Quanto alla possibile collaborazione con guerriglieri jihadisti, Vanessa sottolinea che “non è assolutamente vero perché abbiamo avuto contatti solo con la popolazione civile” e che La notizia sulla “distribuzione da parte nostra di un kit di salvataggio per i combattenti è quindi del tutto fantasiosa e offensiva”.

Loading...

Altre Storie

Eman Ahmed, morta la donna più grassa del mondo

Eman Ahmed, morta la donna più grassa del mondo: era ricoverata ad Abu Dhabi. La donna …

8 comments

  1. Trovassero il modo di risarcire gli italiani dei soldi pagati per il loro riscatto, invece di bamboleggiare, ‘ste due cr…..ine

  2. Ovviamente entrambe possono vantare un curricilum vitae ULTRADECENNALE fatto in zone di guerra….. Tanto è vero che ci ritarnano!

  3. statevene a casa e andate a aiutare i nostri poveri :Altrimenti ci fate buttare via altri soldi inutilmente.

  4. Se questa volta le ammazzano sul serio poco male. Due deficienti di meno in giro per l’Italia.

  5. State calmi ! Dice Ennio Flaiano:alla morte ogni fesso ci arriva.
    abbiamo buone speranze che Sorella Morte ce ne liberi

  6. liberissime di farlo, ma prime che firmino una liberatoria con la quale esonerano lo stato italiano dall’assumere qualsiasi impegno per una loro eventuale liberazione.
    Quindi che vadano dove meglio gli aggrada

  7. andate a crepare dove volete ma con i soldi vostri e guadagnatevi anche il riscatto.A proposito ,,dovete allo stato italiano anche i soldi dati per riscattarvi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *