L’esercizio fisico può rallentare il deterioramento cognitivo

Print Friendly, PDF & Email

Gli anziani che presentano già un deterioramento cognitivo, ma non demenza, potrebbero trarre giovamento, per quanto riguarda la capacità di pensiero, dal praticare un’attività fisica aerobica come camminare o andare in bicicletta qualche volta a settimana. I ricercatori, guidati da James Blumenthal del Duke University Medicai Center di Durham, North Carolina, hanno studiato 160 adulti, con un’età media di 65 anni, tutti sedentari e tutti con deterioramento cognitivo ma senza demenza.

I partecipanti sono stati assegnati a caso a uno di questi gruppi: attività fisica aerobica tre volte a settimane, counseling nutrizionale e dieta sana per il cuore, esercizio fisico e counseling nutrizionale e gruppo di controllo, che non ha cambiato abitudini alimentari o motorie. I partecipanti assegnati al gruppo dell’esercizio fisico hanno svolto tre sessioni settimanali di 45 minuti, composte da 10 minuti di riscaldamento e 35 minuti di attività come camminare, fare jogging o andare in bicicletta. Le persone nel gruppo del counseling nutrizionale sono state formate su come seguire la dieta DASH (Approcci dietetici per fermare l’ipertensione), che prevede un’alimentazione povera di sodio e ricca di fibre con molta frutta e verdura, fagioli, noci, latticini a basso contenuto di grassi, cereali integrali e carni magre.

La dieta DASH da sola non sembra abbia influito sulle capacità di pensiero. Tuttavia, le persone con i più evidenti miglioramenti dal punto di vista cognitivo facevano parte del gruppo assegnato all’esercizio fisico e a seguire questa dieta. Ciò indica che la dieta potrebbe potenziare gli effetti dell’esercizio. Dopo sei mesi, le persone che avevano fatto maggiore attività fisica hanno ottenuto punteggi più elevati nei test di ragionamento rispetto a quelli totalizzati all’inizio dello studio; un miglioramento equivalente all’annullamento di quasi nove anni di invecchiamento, come hanno osservato i ricercatori sull’edizione online di “Neurology” del 19 dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.