Albano e Romina sfidano il Coronavirus tra il pubblico si accende la polemica

Lo racconta con il candore di una bambina, Romina Power: «Dopo la trasmissione Amici di ieri sera sono felice di tornare in Puglia». Si scopre così, con un banale post su Instagram, che l’artista fa avanti e indietro da Cellino San Marco, in Puglia, agli studi tivù di Roma per partecipare al talent show Amici di Maria De Filippi, dove si esibisce per pochi minuti con l’ex marito Albano Carri- si. Tutto questo mentre gran parte degli italiani, ligi al buon senso prima ancora che ai decreti legge, restano confinati in casa nel tentativo di arginare la diffusione del coronavirus. Una malattia subdola che oltretutto lascia stecchiti perlopiù gli anziani.

Sono esentati dalla quarantena

Il governatore della Puglia, Michele Emiliano, ha fatto il giro dei programmi tivù per annunciare che la sua regione si “blinda” e impone la quarantena di 14 giorni a chiunque rientri da altre parti d’Italia. Ma, come sempre nel nostro Paese, ogni regola ha le sue eccezioni: chi si sposta da e per la Puglia per “comprovate esigenze di lavoro” è esentato dalla quarantena tanto sbandierata sui media. Interrogato sul caso Romina Power, il presidente della Puglia taglia corto: «Non ne parlo».

A quanto pare l’ospitata ad Amici è una necessità professionale che scavalca l’imperativo salvavita di queste setti

mane: «Io resto a casa». E cosi, mentre fioccano migliaia di denunce (sacrosante) contro gli italiani sorpresi in giro senza un valido motivo, Al Bano e Romina macinano ben più di mille chilometri nel weekend tra andata e ritorno per coprire il tragitto da Cellino San Marco a Roma. «Mi sposto regolarmente per lavoro con l’auto- certificazione e rispettando le varie restrizioni che il presi

dente Emiliano ha emesso», chiarisce la Power.

Molti cittadini, però, storcono il naso e la contestano. Il succo è: «A noi dicono di stare a casa e Al Bano e Romina si spostano dalla Puglia al Lazio per un programma tivù?». Anche se ordinanze e decreti sembrano consentire questi viaggi, le perplessità restano.

Stupisce il fatto che Carrisi sembri pronto a sfidare la sorte il virus. Nelle tenute di Cellino, dove anche lui torna dopo il programma di Canale 5, vivono la (ex?) compagna Loredana Lecciso e i figli più piccoli, Jasmine e Bido. «Al Bano compirà 77 anni a maggio, ha avuto diversi problemi al cuore. Insomma è anziano e soffre di varie patologie. Sembra l’identikit del soggetto a rischio, stando ai dati delle vittime da coronavirus», un amico del cantante. Anche Romina è in là con gli anni, ma pare che si metta in viaggio senza troppi timori.

«L’errore più grave è credersi immuni o fortunati», avvertono gli esperti. Eppure la campagna martellante e gli appelli di tutti i medici e di tanti vip a restare a casa non fa presa sui cantanti di Felicità. Strano, perché lo stesso Al Bano si unisce al coro degli appelli lanciati dai volti noti nella nostra inchiesta.

D’altra parte lui e Romina sono grandi e vaccinati (ma non certo contro il coronavirus!) e possono decidere dimuoversi per lavoro. Restano però due questioni: quella del buon senso e quella dell’opportunità. Due volti così noti e popolari danno l’esempio giusto con questo comportamento?

Per quanto possa essere alto il compenso che ricevono per partecipare ad Amici, vale la pena attraversare mezza Italia (si presume in auto) per una comparsata?

È una prestazione di lavoro necessaria?

Se aprissimo un televoto, gli italiani direbbero che presenziare a un talent show è una “comprovata esigenza professionale” in tempi come questi? Loredana Bertè ha preferito evitare l’ultima puntata e ormai quasi tutti gli opinionisti partecipano ai programmi tivù in collegamento.

E Maria De Filippi sa che Al Bano e Romina vanno e vengono dalla Puglia per raggiungere gli studi del suo show?

La stessa Mediaset, che trasmette il programma e ci bombarda di spot con le regole da rispettare, ritiene sensato che due artisti anziani debbano affrontare un viaggio così lungo? O forse, in nome dell’intrattenimento e dell’Auditel, la regola di buon senso “io resto a casa” non vale più e l’ingaggio della coppia canterina non può essere rimandato?

«Meglio annoiati che intubati», ha detto con cinica saggezza Flavio Briatore. Dovrebbero pensarci tutti quelli che sfidano i consigli dei medici. Dovrebbero pensarci anche Al Bano e Romina, la De Filippi che li invita e Pier Silvio Berlusconi che li manda in onda. Ora più che mai ognuno deve fare la sua parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *