Fecondazione eterologa: A Bologna il primo caso in Italia di gravidanza con ovulo congelato da dieci anni

0

Un fatto davvero eccezionale si è verificato presso il a dove è stata sviluppata una gravidanza con un ovulo congelato da dieci lunghi anni. Si tratta del primo caso in Italia e proprio sul grande successo ottenuto si è espressa la direttrice del centro ovvero la dottoressa Eleonora Porcu la quale avrebbe sottolineato che, oltre che il primo caso in Italia questo potrebbe anche essere considerato il primo caso al mondo.

“In letteratura ci sono gravidanze da ovociti congelati da 10 anni, ma mai per fecondazioni omologhe” ha dichiarato la dottoressa sostenendo dunque che tali risultati non solo dimostrano la bontà della tecnica del congelamento dell’ovacita per periodi lunghi ma, anche la possibilità di utilizzarla per fecondazioni eterologhe. La dottoressa Porcu, inoltre avrebbe anche espresso il suo pensiero sulla maternità surrogata affermando nello specifico “E’ una moderna forma di schiavitù femminile. Penso tutto il peggio possibile”.

Non poteva inoltre mancare il commento del direttore generale del centro ovvero Mario Cavalli il quale avrebbe affermato che proprio il Centro di procreazione medicalmente assistita del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, rappresenta un vero e proprio punto di riferimento a livello nazionale per tantissime persone e, a testimoniarlo, vi sono proprio le numerosissime coppie che giungono tutte da regioni diverse e lontane.

“La qualità della ricerca e dell’assistenza si sposano alla scelta di realizzare percorsi di fecondazione eterologa con donatori volontari e gratuiti, una disponibilità che ci vogliamo impegnare a far crescere, anche con l’attivazione della Biobanca regionale dei gameti al Sant’Orsola” sono state le parole con cui il direttore Mario Cavalli ha concluso il suo intervento e proprio tale dimensione di gratuità è ritenuta fondamentale dalla dottoressa Eleonora Porcu sostenendo come questa “si affianca a risultati scientifici di grande rilievo, come la prima gravidanza al mondo da fecondazione eterologa che abbiamo ottenuto con ovociti congelati da oltre dieci anni”. La dottoressa inoltre, nel suo intervento, ha anche fatto riferimento all’eccezionalità che vi è appunto nella disponibilità di alcune donne e di alcuni uomini di donare un qualcosa di tanto prezioso, un fatto questo che va incentivato, sottolinea la dottoressa. 

In una nota, inoltre, è stato reso noto come tali trattamenti di fecondazione eterologa sono stati possibili grazie alla presenza di donatori volontari e nello specifico tra questi vi erano proprio quattro uomini e sei donne. Ecco nello specifico quanto dichiarato nella nota in questione: “I quattro uomini hanno un’età compresa tra i 35 e i 40 anni. Tra le 6 donne, 5 avevano ovociti congelati nella banca del Sant’Orsola dopo trattamenti di fecondazione omologa che avevano portato a una gravidanza Da una di queste è arrivata la gravidanza con ovocita congelato da oltre 10 anni. La sesta donatrice ha invece avuto figli con gravidanze spontanee e ha deciso di sottoporsi al trattamento di stimolazione e al prelievo di ovociti unicamente a fine donativo”.

Loading...