Home » Cronaca & Calamità » Derubano amici tramite Facebook. Sei arresti, tra cui due ragazze romane

Derubano amici tramite Facebook. Sei arresti, tra cui due ragazze romane

FACEBOOKQuando Facebook diviene un social-network pericoloso. O perlomeno per chi ne fa un uso distorto e criminale imbrogliando i vari utenti del popolarissimo social network. A Roma succede che una banda di ladri chiedeva l’amicizia ai ragazzi su Facebook. L’operazione veniva svolta grazie a due giovani minorenni che dopo averli conosciuti fissavano un appuntamento a casa loro. Poi, però, gli svaligiavano casa. Era il metodo di una banda di ladri arrestata nella Capitale dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma.
Sono 6 le persone arrestate e 7 le denunciate. Tra i componenti della banda anche due ragazze romane, minorenni e di buona famiglia, incaricate di avvicinare i coetanei su Facebook convincendoli a farsi ricevere a casa, in assenza dei genitori.Dopo i furti commentavano i loro colpi su Facebook e via sms. E in ricordo delle loro ‘imprese’, si fotografavano e si filmavano con la refurtiva attraverso i cellulari.
La posizione delle due ragazze è al vaglio del Tribunale per i Minori. Come riporta Leggo.it

“Dopo essere state ricevute a casa, una di loro si nascondeva invece nell’appartamento dopo aver finto di allontanarsi. Poi, con il pretesto di una passeggiata, la seconda ragazza usciva con il proprietario di casa lasciando l’amica, che dava ‘campo libero’ alla banda per razziare l’appartamento. 
Altri furti sono stati messi a segno in bar tabacchi, negozi vari e anche negli uffici del comune di Mentana, dove erano state portate via 1.000 carte d’identità in bianco che i carabinieri, nel corso del blitz scattato all’alba, hanno recuperato assieme a migliaia di euro”.

 

Loading...

Altre Storie

Incidente a Bellolampo, morti giovani coniugi su moto

L’incidente è avvenuto sulla strada che porta alla discarica di Bellolampo. Dramma a Palermo. Una giovane coppia di coniugi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *