Home » Lavoro & Schiavitù » Fuga dall’Italia: negli ultimi 7 anni boom di emigrati tra 40enni e 50enni

Fuga dall’Italia: negli ultimi 7 anni boom di emigrati tra 40enni e 50enni

Day 21 Occupy Wall Street October 6 2011 Shankbone 16Non sono solo i giovani a fuggire dall’Italia: i dati che emergono dall’ultima ricerca Cna sono impietosi. Nel periodo compreso tra il 2007 e il 2013 dall’Italia sono emigrati all’estero ben 620mila cittadini, circa il doppio rispetto ai 7 anni precedenti.

Le tasse alle stelle, la corruzione, la disoccupazione e la mancanza di servizi adeguati, hanno convinto a fuggire dall’Italia ben 125 mila adulti solo nel 2013. A differenza del passato, la novità è che a scappare non sono solo i ragazzi, ma anche nuclei familiari con una certa età.

Negli anni della crisi, infatti, l’incremento degli espatriati tra i 40 e i 49 anni è del 79,2%, del 51,2% nella fascia di età tra i 50-64 anni. Il centro studi del Cna, dunque, conferma indirettamente che se non sei un politico, un sindacalista, se non trovi una raccomandazione o perdi il lavoro per crisi, devi lasciare l’Italia e andare a vivere più dignitosamente all’estero. Ci stanno trasformando un Paese di morti viventi.

Loading...

Altre Storie

Maltempo Toscana, allerta rossa: scuole chiuse in quasi tutta la Regione [ELENCO]

Toscana nella morsa del gelo e del maltempo, con forte rischio neve. La Protezione Civile ha infatti diramato un’allerta rossa, in …

One comment

  1. Babbo Natale 2014

    Anche io vorrei andarmene. Ma dove ? Mi sento ogni anno piu straniero nel mio paese. Sono stato a Brescia e in zona stazione neanche i supermercati avevano i nomi dei prodotti in italiano. Ho fatto due quartieri incontrando sempre persone che parlavano lingue straniere. Giuro, neanche un italiano. A Milano in metropolitana la sera nessuno parla la mia lingua. Non mi sento piu rappresentato da nessuna corrente politica. Come se fossi senza più patria. C’e poi da avere paura a manifestare i propri pensieri, a contestare le ingiustizie. Si ha paura a parlare in un paese che professa la liberta di pensiero. Perfino i giornalisti se lo fanno rischiano di essere criminalizzati. Ciò mi da tristezza dato che da bambino ero cosi fiero di essere italiano. Ma da dove si comincia per trovare un lavoro pari o migliore all’estero ? E poi non si rischia essendo italiano di fare l’indesiderato o di finire ancor più sfruttati ? Non hanno una buona immagine di noi. Non ci credi ? Prova…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *