Home » Economia & Caste » La Grecia è al collasso, i media italiani censurano

La Grecia è al collasso, i media italiani censurano

grecia bandieraC’è il papa che si dimette, anche se a nessuno sembra importare di indagare sulle ragioni del clamoroso gesto. Ci sono i ladroni del Montepaschi di Siena. Ci sono i ladroni di Finmeccanica. Ci sono, dietro l’angolo, le elezioni politiche, con Monti e Bersani che fanno finta di litigare come due fidanzatini adolescenti. Giusto, naturale, che tg, quotidiani e siti internet dedichino molto spazio a queste notizie. Ma sarebbe altrettanto giusto che i media italici ci aggiornassero anche su quello che accade in Grecia. Perché, se è vero che nessuno parla più dei nostri vicini di casa, è vero anche la situazione è ormai al collasso e non può non interessarci direttamente.

C’è chi, nel web, mira a minimizzare. Ma la realtà dei fatti è tale che tacere e mentire non si può e non si deve. Nel 2013 il 50% delle famiglie greche non sarà in grado di pagare le bollette. La distribuzione di cibo gratuito, nelle piazze, è ormai diventata la consuetudine: la Grecia è una sorta di Caritas a cielo aperto. Anche perché un giovane su due non ha un lavoro: cosa dovrebbe mangiare, se anche i genitori sono precari o senza occupazione? La situazione degli stranieri dell’est e dell’Africa è drammatica: la popolazione locale li odia e le rappresaglie sono all’ordine del giorno. Gruppi di neonazisti si sostituiscono alla polizia e fanno “ordine” a modo proprio, cioè picchiando gli immigrati e talvolta sequestrandoli (questo, qualche mese fa, lo ha documentato anche Piazzapulita). Il diritto di manifestare il proprio pensiero viene quotidianamente calpestato dai militari, i cui soprusi sono stati denunciati anche da Amnesty Internacional. Gli agricoltori sono al collasso e, per protesta, regalano i prodotti della terra alla popolazione. Il prezzo del gasolio è alle stelle e totalmente insostenibile, visti i livelli di reddito dei greci. Mancano farmaci e curarsi è diventato un grosso problema. I senzatetto aumentano a vista d’occhio. Le rapine e i furti crescono in maniera esponenziale.

Gli aiuti economici dell’Ue? Non sono serviti praticamente a nulla, visto che una trentina di miliardi sono finiti nelle casse delle banche e ai cittadini sono andate le briciole.

Una classe politica corrotta sommata ai tagli drastici al welfare imposti dall’Europa hanno portato la Grecia al collasso. Anche se qualche “benpensante” cerca di minimizzare allo scopo – forse – di non danneggiare i partiti conservatori italiani, la situazione è tragica. Tanto più perché quello che oggi avviene in Grecia, domani potrebbe accadere in Italia. Questo, forse, lo sa anche il signor Mario Monti. Quello che il 26 settembre 2011, dal comodo salottino tv di Gad Lerner, dichiarava: “La Grecia è il simbolo del successo dell’euro”. E’ lo stesso Monti che, giusto qualche giorno fa, ha affermato: “Uno come Grillo al governo ridurrebbe l’Italia come la Grecia, un paese disperato col pericolo neonazista che incombe”. Giudicate voi.

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata: Otto lotti ritirati

Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di otto lotti di acqua minerale prodotta da Fonte Cutolo …

2 comments

  1. Piccolo Scrivano Malandrino

    Censurino un po’ quello che vogliono, tanto fra un po’ fallisce la Grecia; poi l’Italia; poi tutto l’Euro.
    E dopo ridiamo noi.

  2. Purtroppo ci sarà poco da ridere. Ci sarà da piangere. Ed allora sarà bene svegliarsi prima che sia troppo tardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *