Medico italiano in Inghilterra rispedito in Italia: “non sa l’inglese”.Questa la decisione del tribunale

3

Ad un medico italiano, l’urologo Alessandro Teppa, il cui inglese era talmente scadente da aver bisogno di un interprete che lo aiutasse a capire i pazienti, è stato vietato di esercitare la professione in Gran Bretagna.
Il dottor Alessandro Teppa ha girato tutto il mondo come dimostrano le foto da lui pubblicate, viaggiando in paesi come Australia, Giappone, Brasile e Groenlandia.
Ma nonostante lavori come un urologo nel Regno Unito dal 2012, la sua conoscenza della lingua inglese era così scadente da non poter esercitare senza un interprete al proprio fianco.

Ora il quarantacinquenne è diventato il primo medico a subire un divieto ad esercitare per problemi di lingua, il che potrebbe creare un precedente per tutti i medici italiani desiderosi di lavorare nel Regno Unito.
Un tribunale medico ha infatti stabilito che la sua scarsa conoscenza della lingua inglese mette a repentaglio la salute dei pazienti, e lo ha sospeso per nove mesi, imponendogli di prendere lezioni extra.
Il dottor Teppa, che è originario di Brescia, ma vive a Manchester, aveva lavorato al Royal Bournemouth Hospital di Dorset e al Hallamshire Hospital di Sheffield.
Nel corso degli ultimi otto anni ha anche pubblicato una serie di foto sulla sua pagina Facebook che lo ritraggono in giro per il mondo.
Inoltre ha pubblicato un diario sui suoi viaggi in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda.
Tuttavia, nonostante i viaggi internazionali, la sua scarsa padronanza dell’inglese ha continuato ad essere un motivo di preoccupazione, secondo il tribunale medico.
medico italiano
Lo scorso anno l’UE ha fissato degli standard base sulla lingua inglese e il dottor Alessandro Teppa ha dovuto sostenere un test di inglese, senza riuscire a passarlo per ben due volte, lo scorso novembre e lo scorso febbraio. Il punteggio minimo era di 7,5. Nell’esame di scrittura, il suo punteggio è stato solo di 4.5.

Ora il dottor Teppa è tornato in Italia, dove sta prendendo lezioni di lingua inglese supplementari tra i turni di lavoro.
Il presidente del tribunale, David Flinter ha detto:“La scarsa conoscenza della lingua inglese dimostrata dal dottor Teppa lo porta a notevoli difficoltà nell’interazione con pazienti e colleghi.”

Alla luce di questo, Flinter ha ritenuto che potrebbero esserci rischi significativi per i pazienti.
“Il livello del suo inglese non è sufficiente a sostenere la professione medica in questo paese”

Ma non si tratta di una bocciatura definitiva: il tribunale ha infatti disposto che il medico italiano potrà tornare per una nuova udienza permettendo ai giudici di valutare i suoi progressi.

Loading...
SHARE