Home » Economia & Caste » Monti vuole sapere quanto telefoni, in arrivo nuove tasse?

Monti vuole sapere quanto telefoni, in arrivo nuove tasse?

Nuove misure in arrivo per opprimere i cittadini e limitare la loro libertà. Non è una novità, Dopo il software che spierà – senza autorizzazione – i nostri conti bancari, ci aspettavamo che Monti preparasse qualcos’altro per entrare nelle nostre case (e nelle nostre vite) in qualsiasi momento delle nostre giornate. La novità è che entrano nella rete del fisco anche i dati delle utenze telefoniche ‘domestiche’. L’Agenzia delle entrate si è già attivata in questo senso ed entro il 30 settembre tutti i dati dovranno già essere trasmessi all’Anagrafe tributaria. A partire dal 2012, invece, la scadenza per l’invio dei dati è anticipata al 30 aprile.

“I dati finora richiesti erano riferiti solo all’area ‘business’; con il provvedimento, in analogia con le altre utenze, vengono comprese anche le utenze domestiche. Per completezza d’informazione, in merito alla telefonia mobile diviene oggetto di comunicazione il credito telefonico acquistato nel corso dell’anno”, – si spiega nel provvedimento firmato dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera.
Dopo le utenze business, dunque, il nuovo Governo vuole controllare anche le utenze domestiche in modo da sapere nell’anno quanto credito telefonico viene consumato da ciascuna famiglia, e utilizzare l’informazione come indicatore di ricchezza e istituire così nuove tasse.

Loading...

Altre Storie

Medici studiano la notte per salvare paziente e ci riescono

Come riporta Il Gazzettino, una soluzione simile per un caso medico come quello del 73enne Sergio …

One comment

  1. Ma saranno ben affari nostri quanto telefoniamo! E dopo questa, ci manca solo che ci tassa anche l’aria che respiriamo!-.-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *