Home » Varie & Avariate » Non servono più come cavie: centinaia di scimmie uccise e buttate nella pattumiera – video shock

Non servono più come cavie: centinaia di scimmie uccise e buttate nella pattumiera – video shock

Un’indagine BUAV ha scoperto il massacro terribile di centinaia di scimmie nell’allevamento di primati per la Noveprim a Mauritius. Immagini raccapriccianti che mostrano le scimmie scartate morte e accatastate in pile sul pavimento o smaltite in bidoni come la spazzatura. Altre immagini mostrano corpi mutilati in attesa dell’incenerimento.

Secondo l’associazione animalista, questo autentico massacro è destinato a continuare per tutto il mese novembre, presumibilmente perché i laboratori all’estero chiedono primati che pesano meno di tre chili e mezzo. La maggior parte delle scimmie uccise sono maschi adulti di peso superiore ai quattro chili, anche se la BUAV ha appreso che Noveprim uccide anche donne in stato di gravidanza e i piccoli in quanto l’azienda non può usare questi animali.
Noveprim è uno dei principali esportatori di scimmie verso il Regno Unito, la Spagna e gli Stati Uniti. La società è approvata dal ministero dell’Interno britannico per la fornitura di scimmie ai laboratori inglesi. Un altro stretto collegamento con il Regno Unito sta nel fatto che Covance Laboratories Ltd, l’impianto di test a contratto ad Harrogate, in Inghilterra, è il secondo maggiore azionista Noveprim.E guardate questa dichiarazione  della Noveprim che afferma che l’azienda “fornisce assistenza professionale sanitaria per le scimmie, assicura il loro benessere e le tratta con rispetto, in linea con le raccomandazioni dell’Aaalac”. La BUAV ha anche saputo che, nonostante questo massacro, Noveprim continua ad avere trappole per scimmie selvatiche. E, allora, chiede al primo ministro di Mauritius di prendere provvedimenti immediati per fermare questi omicidi e per rimettere in libertà i primati. Non solo: l’associazione prega anche il governo del Regno Unito di vietare l’importazione di scimmie da Mauritius.

Loading...

Altre Storie

Insonnia da dipendenza tecnologica: ne soffrono sempre più gli adolescenti

Uno studio condotto dal professore Claudio Mencacci direttore del Dipartimento Neuroscienze e salute mentale dell’ASST …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *