Home » Primo piano » Omicidi di Stato: Presa Diretta e la storia di Michele Ferrulli – video

Omicidi di Stato: Presa Diretta e la storia di Michele Ferrulli – video

michele-ferrulli-videoLa puntata di ieri di Presa Diretta era dedicata agli ‘omicidi di Stato’, ossia a quegli abusi perpetrati da parte delle forze dell’ordine (carabinieri e polizia) nei confronti di cittadini inermi. Premesso che non si può e non si deve fare di tutta l’erba un fascio, poiché la maggior parte di poliziotti e carabinieri svolge il proprio lavoro in modo egregio, troppe sono le vittime alle quali probabilmente non sarà mai data giustizia: parliamo ad esempio di Gabriele Sandri, Federico Aldrovandi, Stefano Cucchi, Giuseppe Uva… Ma non solo: ci sono tante storie di ‘sconosciuti’ che sarebbe bene che gli italiani imparassero a conoscere, per capire in che razza di Paese viviamo.

Tra le vittime di stato, ci sono anche Michele Ferrulli, morto a Milano durante un fermo di polizia; Riccardo Rasman, rimasto ucciso durante un’irruzione della polizia nel suo appartamento dopo essere stato incaprettato col fil di ferro; Stefano Brunetti, morto il giorno dopo essere stato arrestato. Presa Diretta ha anche dato spazio a storie di chi nonostante le violenze, è riuscito a sopravvivere, come Paolo Scaroni, in coma per due mesi dopo le percosse subite durante le cariche della polizia contro gli ultras del Brescia; Luigi Morneghini, sfigurato dai calci in faccia di due agenti fuori servizio…

Nella speranza che un giorno i cittadini possano essere realmente artefici del proprio futuro e che non debbano subire soprusi da parte di uno stato padrone, ecco i due video shock della morte di Michele Ferrulli:

[jwplayer player=”1″ mediaid=”10704″] [jwplayer player=”1″ mediaid=”10705″]
Caricamento in corso ...

Altre Storie

Dieta mediterranea può prevenire il cancro: ecco perché

Che lo stile alimentare rappresenti un fattore fondamentale per vivere a lungo è assodato. Ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *