Home » Primo piano » Perù: l’hotel attaccato alle pareti delle Ande (Video)
Sky Lodge in Perù

Perù: l’hotel attaccato alle pareti delle Ande (Video)

In Perù si può dormire a 122 metri di altezza attaccati alle pareti delle Ande. Non prima, però, di essersi cimentati con un’arrampicata suggestiva. Siamo nella valle sacra degli Incas, sopra Cuzco, nei pressi del fiume Urubamba e del sito archeologico di Machu Picchu. Da queste parti NaturaVive gestisce delle capsule definite Skylodge: gli avventurieri che da queste parti amano arrampicarsi sulle pareti della Ande, in buona sostanza, hanno a disposizione stanze ‘appese’ alla roccia, dotate di tutti i comfort degli hotel moderni e di una vista mozzafiato sul panorama circostante.

Gli Skylodge sono ecologici e interamente trasparenti, in modo da poter ammirare il panorama da qualunque angolazione. La struttura è completamente in vetro e le camere sono alimentate da pannelli fotovoltaici. Per arrivarci, bisogna inerpicarsi sulle Ande e non prima, però, di aver prenotato presso la reception alla modica cifra di 280 euro circa a notte. Nonostante questo albergo sia funzionante da tempo, in questo periodo sembra vi sia un vero e proprio boom di prenotazioni.

Le capsule sono in policarbonato e alluminio: solitamente, una di esse è lunga circa 7,5 metri e larga 2,5 metri, dispone di una sala da pranzo esterna e di un bagno privato. La capsula più grande può ospitare anche 8 persone e al suo interno vi sono al massimo quattro lampade alimentate tramite i pannelli fotovoltaici. I bagni sono ecologici e se qualcuno decide di effettuare un’arrampicata di 400 metri con la propria compagna, volendo un po’ di privacy al termine della giornata, non deve fare altro che chiudere le tende. Pare che le coppie che fin qui si sono alternate all’interno degli Sky Lodge abbiano vissuto emozioni irripetibili.

Perù | Dormire appesi alle Ande | Video

[jwplayer player=”1″ mediaid=”18720″]
Loading...

Altre Storie

Intelligenza artificiale il danno si scoprirà 10 anni prima

Stando a quanto dichiarato da un team di ricercatori che fanno parte del dipartimento di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *