Home » Lavoro & Schiavitù » Reddito Minimo Garantito previsto dall’Ue, Italia e Grecia se ne sbattono

Reddito Minimo Garantito previsto dall’Ue, Italia e Grecia se ne sbattono

Ogni volta che si parla di Reddito Minimo Garantito, i suoi detrattori – da quelli del Pd al Pdl, passando per Lega Nord e Udc – dicono che è una cosa “comunista”. Non lo fanno tutti, ma molti. Per il ministro Fornero, se in Italia ci fosse il Rmg, poi gli Italiani non farebbero un cavolo…

Lasciamo stare le solite provocazioni dei tecnici e parliamo di cose serie. In un paese come il nostro, pieno di falsi invalidi e col cancro del clientelismo, il reddito minimo rappresenterebbe un ottimo antidoto. Non solo: darebbe, in questo periodo di grave crisi, un aiuto anche all’economia. E, cosa più importante, restituirebbe dignità alle persone, che magari a 50 anni si ritrovano senza lavoro, oppure a 30 sono costrette a chiedere aiuto a nonni e genitori.

Ma qualcosa potrebbe cambiare. La proposta di legge di iniziativa popolare per il reddito minimo garantito in Italia lanciata a giugno – che sta riscuotendo grande successo – terminerà a dicembre. L’obiettivo è raccogliere e superare le 50.000 firme. Sul sito www.redditogarantito.it tutte le informazioni per sostenere l’iniziativa.

Ma cosa ne pensa l’Unione Europea?  La direttiva 92/411 impegna gli stati membri ad adottare misure di garanzia di reddito. E infatti, questo sostegno economico, che può avere vari nomi, esiste in quasi tutta l’UE. C’è in Belgio, Austria, Danimarca, Svezia, Finlandia, Norvegia, Francia, Lussemburgo, Olanda, Germania e Gran Bretagna.

Loading...

Altre Storie

Meteo, le previsioni dal 24 al 26 novembre

Ma sarà mercoledì la giornata più intensa di maltempo. E’ arrivato il weekend che le previsioni meteo dei principali siti …

3 comments

  1. Valerio Perucca

    Visto che secondo quanto disposto dalla legge n° 352 del 25/05/1970 non è consentito nessun referendum di nessun tipo (quindi ne’ abrogativo ne’ propositivo)nei 12 mesi che precedono la fine di una legislatura e nei 6 mesi successivi all’insediamento di una nuova legislatura e che le firme raccolte non possono essere più vecchie di 90gg…

    Che fine fanno le 50.000 (o meno) firme che non potranno essere considerate valide, ma già raccolte, che “dovrebbero” venire cestinate?

    Visto che l’attuale legislatura ha come termine naturale il 2013, quindi l’iniziativa presentata dall’articolo di cui sopra è all’interno dei 12 mesi i interdizione?

  2. Cmq non fa male raccogliere tante firme online che provocherebbero un interesse elettorale di quei partiti nostrani che ancora non l’hanno nel loro programma. Poi, quando sarà di nuovo lecito: ancòra una valanga di firme, valide !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *