Ha un problema all’orecchio e decide di affidarsi ad un metodo (pericolosissimo) fai-da-te

Avere un acufeno, ovvero un sibilo fastidioso e costante (simile a un fischio ad altissima frequenza) è un’esperienza che non consigliamo a nessuno. È un problema ingestibile, terribile che fa venire voglia, a volte, di usare ogni mezzo a propria disposizione per combatterlo. C’è chi usa dei piccoli apparecchi acustici per creare un suono uguale e contrario per fare in modo di annullare il primo. C’è poi chi usa dei farmaci antistress e per la pressione. E c’è poi chi usa alcune droghe per compensare il disturbo. Per lunghi anni Claire Fielding, 34enne addetta alle vendite al dettaglio di Bolton, in Gran Bretagna, si è curata bevendo grandi quantità di alcol e, occasionalmente, mischiandolo con la cocaina. Alla fine quei pericolosi cocktail con cui la donna, madre di un bimbo, pensava di attenuare il fastidiosissimo brusio che dalle orecchie rimbalzava costantemente nella sua testa, si sono rivelati letali.

La donna è morta dopo aver accusato un malore in casa lo scorso luglio. Il compagno da oltre 17 anni di Claire, il 41enne James Goodyear, ha raccontato gli ultimi, drammatici istanti della vita di Claire. “Era mattina, sentivo la sua sveglia suonare ma lei non si alzava. Sono salito in camera da letto e l’ho trovata che respirava a fatica e con le labbra violacee. L’ho aiutata ad alzarsi, mi ha chiesto di chiamare un’ambulanza ed è uscita a prendere un po’ d’aria fresca.

Poi la situazione è peggiorata, e una volta giunti in ospedale non è stato possibile salvarla” – riporta Metro.co.uk – “Sapevo delle sue abitudini e di quelle cure molto particolari, le accettavo solo in parte: ero riuscito a farle diminuire l’alcol fino a mezza bottiglia di vino al giorno e ad assumere cocaina solo nei fine settimana.

 

Quella strana patologia l’aveva resa solitaria, sociopatica e spesso soffriva di attacchi di panico”. Claire ha sopportato un fastidio ingestibile per venti lunghissimi anni. Per curarsi, però, visto che la medicina tradizionale aveva fallito, ha deciso di optare per un rimedio fai-da-te. La fine è arrivata in fretta, sarebbe stato curioso il contrario.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *