Allungare la vita di un cane

Pubblicato il: 27 Gennaio 2019 alle 11:31

Quanto tempo vivrà il mio fedele amico? È la domanda che tutti i proprietari di cane, prima o poi, si pongono. La durata media della vita è stata accertata per quasi tutte le specie. L’ultimo arrivato è il Cane Corso Italiano, analizzato dal nostro gruppo di ricerca nello Zoo di Tábor, nella Repubblica Ceca. Il peso corporeo incide in modo determinante sulla longevità. Nel regno animale vige la regola generale per cui gli animali più grandi vivono più a lungo di quelli piccoli. Questa regola, però, ha numerose eccezioni. Una di queste è costituita dai cani: quelli di taglia grande vivono meno di quelli più piccoli. Nella tabella in questo servizio sono riportate le aspettative di vita medie di tutte le razze per le quali finora si è riusciti a stabilirne il valore.

I PIÙ LONGEVI Le razze che vivono più a lungo sono il Lakeland Terrier (15,46 anni), l’Irish Terrier (14,83 anni), il Canaan Dog (14,63 anni), il Pudl Toy (14,63 anni), lo Swedish Vallhund (14,42 anni), il Tibetan Spaniel (14,42 anni), il Lhasa Apso (14,33 anni), il Silky Terrier Australiano (14,25 anni), il Pudl Nano (14,2 anni), il Cairn Terrier (14 anni).

I CANI CON ASPETTATIVA PIÙ BREVE L’aspettativa di vita più breve? Ce l’hanno cani come il Segugio Francese della Guascogna Grand Bleu (4,54 anni), il Dogue de Bordeaux (5,5 anni), il cane da Pastore dei Pirenei a pelo lungo (5,79 anni). La durata media della vita è calcolata come mediana di un gruppo statisticamente significativo di cani. Tuttavia, questo valore statistico non esclude che alcuni cani possano raggiungere un’età anche molto più avanzata.

I METICCI VIVONO DI PIÙ Interessante notare anche il fatto che i meticci in generale vivono più a lungo dei cani di razza pura. La longevità degli animali, così come tra gli esseri umani, è determinata geneticamente. L’identificazione e l’analisi dei geni responsabili della longevità è una strada molto promettente per prolungare la vita, sia negli esseri umani che negli animali. Alcuni dei geni legati alla longevità sono già stati scoperti nei topi e nell’uomo.

LA RICERCA SUL CANE CORSO ITALIANO Il nostro gruppo di ricerca è riuscito a trovare un rapporto tra la durata media della vita e il colore del pelo nel Cane Corso Italiano (Korec, E., Chalupa, O., Hančl, M., Korcová, J. and Bydžovská, M. 2017. Longevity of Cane Corso Italiano dog breed and its relationship with hair colour. Open Vet. J. 7(2), 170-173). È la prima volta che questo rapporto viene identificato nei mammiferi. L’analisi dei geni della longevità è oggetto della ricerca dei migliori team di scienziati in tutto il mondo. Nel momento in cui si riuscirà a identificare e analizzare con precisione i geni responsabili della longevità sarà possibile immaginare di prolungare concretamente la vita media dell’uomo fino alla frontiera dei 100 anni e quella dei cani fino al limite di 20-25 anni.

COINVOLTI 70 ALLEVAMENTI IN 25 PAESI DEL MONDO Il nostro gruppo di ricerca si occupa dello studio dei geni connessi con la longevità nella razza Cane Corso Italiano. Nell’ambito del nostro programma di ricerca collaboriamo con circa 70 allevamenti in 25 paesi del mondo. Nel programma sono inseriti i cani che hanno raggiunto l’età di 12 anni. Da un campione della mucosa orale isoliamo il Dna che esaminiamo con metodi genetici a livello molecolare. Chiediamo a tutti i proprietari di esemplari della razza Cane Corso Italiano di oltre 12 anni di partecipare a questo programma di ricerca. Includendo altri cani nel programma di ricerca ci aiuterete a studiare la longevità. Maggiori informazioni sul programma di ricerca sono consultabili qui: http://bit.ly/ricerca_cane_corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *