Amadeus a Sanremo porta Jovanotti e Fiorello, loro annunciano la loro presenza alla kermesse

Ladies and gentlemen, habemus presentatore di Sanremo. E pure il direttore artistico. A condurre la kermesse del settantesimo Festival della canzone italiana, che andrà in scena da martedì 4 a sabato 8 febbraio 2020, sarà Amadeus. Lo showman nato a Ravenna, 56 anni, in coppia con Jovanotti aveva scherzato sui social pochi giorni prima dalla nonaina: il cantante caldeggiava l’investitura di Ama promettendo che sarebbe stato volentieri suo ospite.

Ora il pensiero va anche a Pippo Baudo, Fabio Fazio e Antonella Clerici, in sostanza “dimenticati” da Mamma Rai e non più considerati adatti a Sanremo. Ma guardiamo al futuro, provando a immaginare come sarà questo Festival nelle mani del simpatico conduttore che è noto perlopiù nei giochi a quiz: sicuramente non autocelebrativo come quello di Claudio Baglioni. Infatti quest’ultimo, non avendo in cantiere un nuovo album, non poteva di certo tornare all’Ariston per la terza volta e cantare tutti i suoi brani come ampiamente fatto con e senza ospiti. Certamente sarà una kermesse simpatica, visto che al fianco di Amadeus ci potrebbero essere Jovanotti e Fiorello.

La competenza musicale? Ama ce l’ha fin dai tempi di “Deejay Television”. Soporifero non lo sarà di certo. Ma sappiamo bene che il Festival, se non viene preso a piccole dosi, rischia di annoiare perfino i nottambuli. In merito al suo ego, quindi alla voglia di essere più protagonista dei cantanti, si può dire che rispetto ai predecessori il marito di Giovanna Civitillo, colei che lo stregò a L’Eredità con lo stacchetto della “scossa”, è molto più umile.

Novità? Probabilmente potrebbe tornare in agenda la serata-duetti con le cover delle canzoni che in settantanni hanno lasciato il segno proprio a Sanremo – un antidoto alla monotonia – e potrebbero tornare gli ospiti internazionali che tutti amiamo! L’unico appello che ci sentiamo di fare ad Amadeus
è quello di mettere al centro di tutto le canzoni, trattandosi di una competizione canora, e non lartista-star. Un po’ come faceva il grande Pippo Baudo che sacrificava anche nomi molto blasonati se le loro canzoni erano meno convincenti di quelle di colleghi in rampa di lancio.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.