Carlo Conti fa da padre alla figlia dell’amico Fabrizio Frizzi

Il suo Matteo e Stella, la figlia che Fabrizio Frizzi ha avuto dalla moglie Carlotta Mantovan, stanno crescendo insieme. E ora che il conduttore purtroppo non c’è più, la sua piccola chiama “babbo” Conti: «Dice “babboCarlo” come se fosse tutto attaccato. Suo padre mi chiamava così, e ora continua a farlo lei». Ed eccolo, in queste tenere immagini esclusive, “babboCarlo” con i bambini per mano: uniti come fratello e sorella.

Stella mi chiama babbo Carlo come se fosse tutto attaccato. Lo fa perché Fabrizio mi chiamava così, ora continua a farlo lei». Per Carlo Conti, quella dell’amico scomparso Fabrizio Frizzi è come una seconda famiglia. Il conduttore più sorridente della tv se n’è andato il 26 marzo 2018 a soli 60 anni, arrendendosi alla malattia, lasciando la moglie Carlotta Mantovan e la loro bambina di sei anni, che è stata “adottata” da tutta Italia. In queste immagini esclusive, vediamo “babboCarlo” che tiene per mano il suo Matteo e Stella, che stanno praticamente crescendo insieme, come fratello e sorella.

In un’intervista, il conduttore di Tale e quale show ha raccontato l’amicizia profonda che aveva con Fabrizio, cementata proprio dalla paternità: «C’era un legame a livello umano, in quanto entrambi avevamo avuto dei figli in età un po’ adulta, quindi condividevamo la gioia di essere babbi non più giovanissimi», ha detto Conti. «Stella, sua figlia, ha nove mesi più di Matteo, mio figlio. Ogni volta che ci sentivamo o vedevamo – molto spesso – prima si parlava di figli e poi di lavoro.

Fabrizio era una persona buonissima, in alcuni momenti anche ingenua, con questa risata che si sentiva a chilometri, la senti ancora riecheggiare se soltanto chiudi gli occhi e lo pensi». Da quando è diventato padre, Carlo è cambiato; l’ha raccontato più volte: «Si passa dall’io al noi, cambia il tuo modo di vivere». «L’unica cosa che chiedo al buon Dio è di avere la salute e la forza di crescere i figli, fortuna che purtroppo Fabrizio non ha avuto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *