Cristel Carrisi attacca Romina Power: “Non lascerei i miei figli sola con te”

Ha l’animo da vecchia  hippie, Romina Power. Ed è un’artista nata, la ex di Al Bano, che abita tra l’Italia e gli Stati Uniti e si divide tra musica, pittura e meditazione. Senza dimenticare la famiglia.

Con i figli, però, non è mai stata una mamma tradizionale. Rompere gli schemi le è sempre piaciuto. E così fa ancora oggi, che è diventata nonna prima di Kay Tyrone e poi di Cassia Ylenia, che sua figlia Cristèl ha avuto il 10 agosto dal marito Davor Luksic.

In tivù la neo mamma, terzogenita dei Carrisi, si è divertita a punzecchiare la Power, ricordandole gli anni della sua infanzia. «Nonna Romina è molto hippie, non so se lascerei i miei figli da soli con lei, e non so come sono sopravvissuta io», ha raccontato Cristèl. E ha aggiunto: «Non ho mai visto la mia mamma ogni singolo giorno. Meglio così, puntiamo più sulla qualità che sulla quantità. Se devo pensare alle cose più concrete le faceva tutte nonna Jolanda».

Una frecciatina, la sua, lanciata col sorriso, che però racconta molto del rapporto madre e figlia. La figlia dei divi Tyrone Power e Linda Christian doveva per forza avere nel dna uno spiccato senso artistico. Viaggiatrice per passione, Romina è molto attratta dalla spiritualità. Nel buddismo l’ex moglie di Al Bano ha trovato la pace interiore. «Ero sempre alla ricerca di qualcosa che non avesse discrepanze. E l’ho trovato in questo buddismo tibetano della tradizione himalayana», ha raccontato la Power. «Io ho fatto questa scoperta nel 2008, quando mi sono trasferita da mia madre. Casualmente, vicino a dove abitava, insegnavano questa tradizione clic mi ha cambiato la mente».

Alla luce della sua svolta mistica, chiederle anche di preparare la sfoglia di pasta fresca, come farebbe una mamma o una nonna vecchio stile, lbr.se sarebbe troppo. Per questi lavori tra le mura domestiche di Cellino San Marco c’è sempre stata nonna Jolanda, mamma di Al Bano. La donna, che oggi ha novantasei anni, ha incarnato per i nipoti la figura classica dell’anziana saggia e instancabile, pronta a guidare con sicurezza l’intera dinastia. Romina, dopo un inizio difficile ai tempi delle sue nozze con Al Bano, quando tutti consideravano un azzardo l’unione tra una figlia di Hollywood e il cantante contadino, ha creato con il tempo un bellissimo rapporto con l’ex suocera, che all’epoca era tra le persone più diffidenti.

Anche oggi che la Power non è più la moglie di Al Bano, le due donne vanno molto d’accordo. Insieme si compensano: c’è la tradizione da un lato e la creatività dall’altro. Un equilibrio perfetto. Anche perché Romina non ha mai approfittato della presenza in famiglia di una donna che avrebbe tranquillamente potuto fare le sue veci. Rispetta il ruolo di Jolanda, ma anche lei non si è mai tirata indietro nel lavoro in casa. Non a caso, battutine a parte, Cristèl ha riconosciuto i molti sacrifici fatti dalla mamma. «Ha sempre messo la famiglia prima della carriera e ha fatto tante rinunce», ha sottolineato la terzogenita dei Carrisi, che rispetto a Yari e a Romina jr, decisamente più defilati, assume spesso il ruolo di portavoce del clan.

Nel corso degli anni la Power è riuscita anche a ritagliarsi i suoi spazi. Nella fattoria americana in cui vive, a una ventina di chilometri da Los Angeles, il luogo dove risiede  continua da pag. 21 quando è lontana dall’Italia, la ex di’Al Bano è circondata da sculture, quadri e tanti animali: cani, pappagallini e galline, tra cui una cilena di razza araucana con le zampe celesti, una collana di piume e che fa uova azzurre eccezionali da cucinare.

La vita mistica e ribelle, del resto, l’ha sempre attirata. In gioventù Romina ha ammesso di aver provato Lsd e di aver fumato spinelli con Paul McCartney. E di recente ha donato a un centro buddista un bellissimo palazzetto a Trastevere. «Non ne parliamo… Noi dobbiamo stare in albergo a Roma, non abbiamo più la casa. C’è gente che medita nella mia stanza da letto», ha tuonato Cristèl, che ormai si è arresa all’idea di avere una mamma originale e impossibile da tenere a freno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *