È stata stuprata da 3 uomini – 77 anni dopo, riceve una telefonata molto toccante

Pubblicato il: 1 Dicembre 2019 alle 6:11

In passato, quando aveva solo 16 anni, Minka Disbrow ha vissuto un’esperienza molto traumatica. Ancora oggi, 77 dopo, fa fatica a lasciarsi alle spalle il suo trascorso doloroso.

Nel 1928, quando Minka Disbrow aveva soli 16 anni, lei e una sua amica sono state brutalmente stuprate da tre uomini. Stavano facendo un picnic nei boschi. Dopo alcuni mesi, Minka ha scoperto di essere rimasta incinta.

Minka era molto giovane, voleva andare avanti, liberarsi di quei ricordi terribili. Dopo circa un mese dalla nascita della bambina, Betty Jane, decise di darla in adozione. Una decisione molto difficile la sua:

“Ho sofferto molto quando l’ho data in adozione perché l’ho tenuta con me per un mese intero,” ha raccontato in un’intervista.

Minka non ha mai smesso di pensare a Betty Jane. Per tutta la vita ha cercato di avere sue notizie e, quasi 80 anni dopo, si è rivolta a Dio. Desiderava conoscere la figlia prima di morire.

“’Ti prego, Signore, fammela rivedere. Ti prometto che non le darò fastidio, la voglio solo rivedere.’ Pensavo di avere dei nipotini meravigliosi e li volevo conoscere”.

Due mesi dopo, il desiderio di Minka è stato esaudito. La donna ha ricevuto una chiamata da Betty Jane e, dopo 77 anni, madre e figlia si sono riabbracciate.

“Rivedersi, è stato come se non ci fossimo mai separate” ha dichiarato Minka. La sua Betty Jane ha detto: “pregava di potermi rivedere, non voleva darmi fastidio, ma ha avuto molto di più”.

Non è mai troppo tardi per credere nei miracoli. In questo video assisterete all’incontro straordinario tra madre e figlia, quasi 80 anni dopo!

Questa storia è cominciata nel peggior dei modi, ma ha avuto un finale meraviglioso. MInka è morta qualche anno dopo alla veneranda età di 102 anni.  Per fortuna, è riuscita a realizzare il suo più grande sogno prima di morire! La nipote di Minka, Cathy LaGrow, ha scritto la storia della sua famiglia nel libro “The Waiting” –  l’attesa.

Se la nostra storia vi è piaciuta, condividete il post con i vostri amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *